ITL HR Solutions nel servizio di TV2000 sull'Ungheria

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 143
Stampa questa pagina
04
Aprile

ITL HR Solutions nel servizio di TV2000 sull'Ungheria

Scritto da 
Pubblicato in IT-HU

"Quando nel 2010 Viktor Orbán arrivò al potere disoccupazione in Ungheria era di oltre l’11%, oggi ufficialmente è all’4,2% grazie al ripetuto taglio delle tasse sul profitto che ha attirato molte aziende e investitori stranieri" a raccontarlo è Massimiliano Cochi, inviato a Budapest per TV2000, che alle elezioni dell'8 aprile in Ungheria ha dedicato l'ultima puntata di "Today", programma di approfondimento internazionale della rete romana.

"La ITL Group è una delle maggiori società di servizi di Budapest fornisce consulenza a chi vuole avviare un’attività in Ungheria e se necessario ricerca anche il personale" spiega Massimiliano Cochi entrando nella sede di ITL Group nella centrale Váci utca. 

Presso i nostri uffici TV2000 ha intervistato Judit Graczer, responsabile di ITL HR Solutions, sulla peculiare situazione occupazionale dell'Ungheria, Paese dove il lavoro non manca: la carenza, al contrario, riguarda i lavoratori. “Le società startup generalmente officer managers, assistenti o specialisti in ramo informatico - riferisce Graczer -. Le società che operano nel settore produttivo molto spesso richiedono manodopera fisica, il così detto blue collar: saldatori, operatori che lavorano con le macchine, etc. “Ci sono circa 40mila posti di lavoro vacanti in Ungheria, che aspettano la persona adatta”

ll servizio, realizzato anche con il supporto logistico ed organizzativo di Economia.hu, è molto ampio e passa in rassegna la situazione politica ed economica dell'Ungheria, dove si andrà alle urne l'8 aprile 2018. A partire dalla festa nazionale del 15 marzo Massimiliano Cochi racconta il quadro politico, economico e sociale della nazione passando per Budapest, Szeged e Hódmezővásárhelyi, dove intervista il neoeletto sindaco che ha scalzato Fidesz, il partito al governo. Spazio anche alla presenza italiana in Ungheria nell'intervista a Frate Andrea Marchioro e ad alcuni membri della comunità che gravita intorno alla parrocchia dei Frati Cappuccini.
In studio il conduttore Andrea Sarubbi si avvale del commento di Massimo Congiu, giornalista italiano dalla pluridecennale esperienza sul campo, nonché autore di diversi libri, "L'Ungheria di Orbán" (Ediesse, 2014).

Claudia Leporatti

Redazione Economia.hu

Letto 1807 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da

Articoli correlati (da tag)