Quasi 126.000 persone hanno presentato domanda di sostegno salariale

Vi è un interesse continuo nel programma di sostegno salariale leggiamo sul sito del governo. Ben 125.853 persone hanno fatto domanda insieme ai loro datori di lavoro, Tamás Schanda del Ministero per l’innovazione e la tecnologia ha dichiarato martedì alla conferenza stampa online del Gruppo operativo responsabile del contenimento dell’epidemia di coronavirus.

FONTE: Koronavirus.gov.hu

Tamás Schanda ha affermato che quelli potrebbero avvalersi di questa opzione i cui orari di lavoro sono stati ridotti dai loro datori di lavoro da quando è stato dichiarato lo stato di pericolo. Tuttavia, grazie al sostegno salariale, i lavoratori ricevono uno stipendio non solo per le loro ore di lavoro ridotte ma hanno anche accesso a fondi aggiuntivi che potrebbero ammontare a oltre 100.000 HUF al mese.

Il Sottosegretario di Stato ha sottolineato nella giustificazione della necessità di queste misure che, sebbene grazie alle decisioni tempestive del Gruppo operativo e del governo e alla condotta disciplinata e rispettosa della legge dei membri del pubblico, l’Ungheria “non ha ceduto” all’epidemia di coronavirus e la vita sta iniziando a ricominciare, “siamo fermati temporaneamente” e questo si riflette anche negli ultimi indicatori economici.

Il sostegno ai posti di lavoro come base dell’economia ungherese

Schanda ha affermato che non si discosteranno dalla politica perseguita negli ultimi dieci anni; continuano a considerare i posti di lavoro come la base dell’economia. Se ci sono posti di lavoro, abbiamo tutto: i genitori sono in grado di dare il buon esempio ai loro figli, possono ottenere risultati ogni giorno e possono anche apprezzare che contribuiscono al rafforzamento del Paese, ha affermato.

Ha sottolineato che nella situazione che si era sviluppata a causa dell’epidemia, stavano facendo tutto il possibile per proteggere i posti di lavoro. Allo stesso tempo, creeranno almeno tutti i lavori che saranno stati distrutti dal virus.

Ha sottolineato che un altro programma del piano d’azione per la protezione dell’economia, il regime di sostegno salariale alla creazione di posti di lavoro, è stato lanciato la scorsa settimana. Come parte di questo, stanno aiutando circa 70.000 persone in cerca di lavoro registrate a trovare un impiego da una dotazione di 80 miliardi di HUF. Il supporto potrebbe ammontare a 200.000 HUF per lavoratore e al mese; il numero di candidati aumenta significativamente giorno dopo giorno.

Ha detto che stanno anche assistendo le imprese con un invito a presentare proposte per un valore di 50 miliardi di HUF finalizzato al miglioramento dell’efficienza e alla conservazione dei posti di lavoro. L’invito a presentare proposte inteso a rafforzare l’occupazione e l’efficienza è stato pubblicato pochi giorni fa.

Il governo non sta cambiando i suoi obiettivi precedenti e le direzioni collaudate. Pertanto, anche questa disposizione è ungherese, high-tech e verde. È stato progettato per aiutare principalmente le imprese ungheresi ad accedere a tecnologie all’avanguardia e per rendere le loro operazioni più efficienti dal punto di vista energetico e più ecologiche, ha affermato.

Il Sottosegretario di Stato ha osservato che anche il Ministero degli affari esteri e del commercio svolge un ruolo enorme nella protezione dei posti di lavoro. Finora sono state ricevute 625 domande in risposta al programma a sostegno del miglioramento della competitività, proteggendo in tal modo 111.000 posti di lavoro.

Come parte del piano d’azione per la protezione dell’economia, stanno ora fornendo una sorta di assistenza o sostegno a più di 1 milione di persone, ha sottolineato.

Articoli recenti

Fonte: Kormany.hu | MTI

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/