È imminente l’accordo sul salario minimo

Le posizioni sono state affrontate nell’ultima riunione del Forum Consultivo Permanente del Settore Concorrenza e del Governo, il salario minimo potrebbe aggirarsi intorno ai 167-169 mila HUF lordi, scrive Világgazdaság.

I datori di lavoro accetterebbero uniformemente il 4% per un accordo invece della loro offerta ufficiale del 3%

ha affermato László Perlusz, Segretario generale dell’Associazione nazionale degli imprenditori e dei datori di lavoro, dopo la riunione del Forum di consultazione permanente del governo (VKF). Il capo dell’advocacy ha dichiarato di non avere una nuova offerta, ma che l’accordo non dipenderà da loro.

Perché non si trova l’accordo?

Imprenditori e sindacati non sono stati in grado di concordare l’importo del salario minimo di quest’anno. A causa dell’incertezza della situazione economica, entrambe le parti confidavano che il governo avrebbe sostenuto l’accordo con ulteriori tagli alle tasse e ai contributi, ma ciò non è avvenuto. C’è una confederazione sindacale che accetterebbe un tasso del 4%.

Al contrario, Melinda Mészáros, presidente della Lega dei sindacati Liga Szakszervezetek, ha risposto al nostro giornale dicendo che rimangono unificati e mantengono la loro precedente proposta del 5%, che se accettata dai datori di lavoro, potrebbe aumentare il salario minimo a 169.000 HUF lordi quest’anno e il salario minimo garantito a 221.000 HUF.

Il leader sindacale ha chiesto un intervento più intenso del governo, quindi ha raccomandato al gabinetto di invertire la tassazione preferenziale dei risparmi sanitari e dei fondi pensione e di creare l’interoperabilità tra le tasche delle carte SZÉP.

László Perlusz ha spiegato che, a parere del governo, l’aumento del salario minimo non può essere retroattivo, ovvero l’accordo può essere valido solo dal 1 ° febbraio. Ha sottolineato: i datori di lavoro si sono impegnati a riesaminare la situazione economica prima della fine del semestre e, se possibile, a sollevare nuovamente la questione dell’aumento del salario minimo.

Ha anche indicato che lo Stato non ha rinunciato alla riduzione dell’imposta sui contributi sociali, ma non può ancora impegnarsi. L’attuale offerta di compromesso può anche essere valutata come il datore di lavoro che prevede una riduzione dell’1% dell’imposta sui contributi sociali, ha sottolineato László Perlusz. Il governo continua a incoraggiare le parti a continuare i colloqui bilaterali prima della riunione della VKF della prossima settimana.

Il sondaggio: quasi due terzi dei lavoratori contano sugli aumenti salariali

Secondo un recente sondaggio, quasi due terzi dei lavoratori contano sugli aumenti salariali, con l’11% che fa dipendere il proprio soggiorno dall’entità dell’aumento. 

Le aspettative salariali dei dipendenti e la disponibilità a cambiare lavoro sono state esaminate dal 1° al 31 dicembre 2020 nel Portale Risorse Umane.

Le risposte mostrano l’impatto della crisi del coronavirus: l’anno scorso, il 47% degli intervistati non ha aumentato i propri stipendi, e all’interno di questo, il 13,8% è diminuito, il 33,2% non è cambiato. Quasi un intervistato su tre (30%) ha riferito un aumento salariale del 5% o più. C’è un cauto ottimismo sulle aspettative salariali di quest’anno: il 30,8% afferma che i salari non cambieranno, il 6,1% diminuirà. Tuttavia, la maggioranza (64%) prevede un aumento dei salari.

Il commento di ITL HR Solutions

Negli ultimi 3 anni l’aumento del salario minimo é stato dell’8% da un anno all’altro, ma si vede che per 2021 nel caso migliore sará al massimo del 5%. Vedremo fra poco il risultato delle trattative. Comunque si vede l’effetto del rallentamento dell’economia a causa di diversi fattori tra i quali la situazione pandemica che ha avuto il suo impatto negativo senza dubbio. L’implementazione del salario minimo generalmente avveniva con effetto retroattivo a partire del 1 gennaio ma si sta parlando anche dell’opzione di implementarlo dal 1 febbraio 2021.

Judit Gráczer
HR Department Leader, Senior Consultant, Partner di ITL HR Solutions.

La differenza tra salario minimo nazionale e salario minimo garantito

Il salario minimo nazionale é il salario più basso nel paese che ogni persona che lavora deve percepire per 8 ore di lavoro al giorno. Si tratta di un salario lordo dipendente al mese che adesso é pari a 161.000 HUF (stabilito per 2020 perché non é stato ancora approvato quello per 2021 di cui parliamo in questo articolo).
Il salario minimo garantito invece é il salario più basso obbligatorio per la manodopera qualificata. Ad esempio tutti coloro che hanno fatto un corso professionale e svolgono un lavoro che richiede una qualificazione professionale devono percepire il salario minimo garantito che adesso (per il 2020) é pari a 210.600 HUF

spiegano i professionisti di ITL HR Solutions

Fonte: Világgazdaság | ITL HR Solutions

ITL HR SOLUTIONS - invia il tuo cv a info@itlgroup.hu
ITL HR SOLUTIONS – per le aziende interessate: info@itlgroup.hu

ARTICOLI RECENTI

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/