Albergatori ungheresi contro AirBnb

L’associazione ungherese degli albergatori e degli operatori della ristorazione ha proposto la riduzione del numero di giorni annuo massimo per l’affitto degli alloggi a breve termine.

Una mossa che danneggerebbe in primo luogo AirBnb, che sugli affitti a breve termine basa la sua formula. Secondo Portfolio.hu adattarsi alle condizioni sanitarie e di sicurezza richieste agli alberghi sarebbe molto meno vantaggioso per gli investitori e chi opera con AirBnb. Gli albergatori mirano difatti a limitare le imprese che permettono ad un certo numero di appartamenti di operare alla stregua di hotel.  Secondo i dati di agosto sono attivi in Ungheria 9000 alloggi su AirBnb, facenti capo a quasi 5100 proprietari: 253 persone possiedono 5 appartamenti, 131 ne mettono a disposizione 4, 276 ne pubblicizzano 3 e 732 ne affittano 2. 

Da Portfolio.hu

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/