L’ANGOLO DELLA SOSTENIBILITÀ

Parliamo di sostenibilità!

Nello specifico, parliamo di progetti per lo sviluppo energetico sostenibile. Siano esse imprese private, piuttosto che enti pubblici, singoli individui, collettività od interi Paesi, Economia.hu vuole farsi finestra verso un mondo più responsabile. In linea con i principi di Atlas World, vorremmo offrire la possibilità di entrare in contatto con realtà Ungheresi che vogliono fare la differenza attraverso progetti etici, sostenibili e creativi.

Come? Semplicemente attraverso una rubrica mensile che possa essere non solo una fonte di conoscenza ma anche un’importante fonte di ispirazione.

Le notizie più importanti del mese di giugno in tema di energia sostenibile in Ungheria che abbiamo deciso di riportare in questo articolo sono:

  • L’Ungheria si unisce alla rete Europea per monitorare le emissioni di gas serra
  • Il Ministero ungherese e la Comunità energetica creano un centro di conoscenza per la transazione verde nei Balcani occidentali
  • Sungeel Hitech Hungary apre un nuovo impianto globale di riciclaggio delle batterie verdi a Bátonyterenye

In questo contesto, cogliamo l’occasione per ringraziare il Budapest Business Journal in qualità di fonte di informazioni grazie alla sua newsletter giornaliera dal nome energy – today.

L’Ungheria si unisce alla rete Europea per monitorare le emissioni di gas serra

L’Ungheria si unirà all‘Integrated Carbon Observation System, ICOS, un’infrastruttura di ricerca a livello europeo che fornisce dati sui gas serra per prevenire il cambiamento climatico

Il livello di gas serra (GHG) nell’atmosfera aumenta costantemente e un’osservazione precisa è essenziale per prevedere il cambiamento climatico, così da mitigarne le conseguenze. 

ICOS produce osservazioni standardizzate, di alta precisione e a lungo termine, che facilitano la ricerca per comprendere il ciclo del carbonio e fornire le informazioni necessarie sui gas serra. Questa conoscenza supporta la politica e il processo decisionale per combattere il cambiamento climatico e i suoi impatti.

L’organizzazione paneuropea ha 140 stazioni di misurazione localizzate in 13 paesi europei. Le stazioni osservano le concentrazioni di gas serra nell’atmosfera e i flussi di carbonio tra l’atmosfera, la superficie terrestre e gli oceani. 

A maggio, l’Ungheria ha presentato la sua domanda di adesione al Consorzio per l’Infrastruttura di Ricerca Europea, ERIC dell’ICOS che è stata approvata all’unanimità dall’Assemblea Generale. L’Ungheria diventerà membro dal 1° gennaio 2022

Il Ministero ungherese e la comunità energetica creano un Centro di Conoscenza per le transazioni verdi nei Balcani occidentali

Il Ministero dell’Innovazione e della Tecnologia Ungherese e la Comunità Energetica con sede a Vienna hanno firmato un accordo di cooperazione per istituire un centro di conoscenza a Budapest per promuovere la transizione economica verde nei Balcani occidentali. La notizia è stata data lunedì 14 giugno dal Segretario di Stato per l’Energia e la Politica Climatica Attila Steiner. 

Il centro avrà lo scopo di supportare la transizione verso un’economia circolare, nonchè di integrare l’esperienza ungherese, così come le migliori pratiche energetiche dei Balcani occidentali, contribuendo ad accelerare l’integrazione della regione nell’UE.  

Come? Attraverso corsi di formazione e workshop che consentiranno di condividere conoscenze ed esperienze con i paesi della regione.
Con l’obiettivo di sostenere lo sviluppo sostenibile della regione balcanica per i prossimi sette anni, la Commissione Europea ha stanziato 9 miliardi di euro.

Sungeel Hitech Hungary apre un nuovo impianto globale di riciclaggio delle batterie verdi a
Bátonyterenye

SungEel Hitech Hungary Kft. espanderà la sua presenza in Ungheria con un altro impianto di lavorazione delle batterie. Dopo l’impianto di Szigetszentmiklós, consegnato nel 2019, un parco di riciclaggio di 8.700 metri quadrati è stato aperto nel luglio di quest’anno a Bátonyterenye, nella contea di Nógrád. Grazie ad un investimento di 25,75 milioni di euro saranno creati 100 nuovi posti di lavoro.

La sudcoreana SungEel Hitech ricicla batterie ricaricabili. Nel 2019, come primo investimento europeo, l’azienda leader mondiale ha stabilito un impianto di 3.400 metri quadrati a Szigetszentmiklós.

Nel suo nuovo parco di riciclaggio a Bátonyterenye, SungEel Hitech Hungary Kft. utilizza principalmente i prodotti di scarto della fabbrica di batterie Samsung SDI di Göd in modo ecologico con una tecnologia all’avanguardia. Grazie al nuovo impianto, l’attuale quantità annuale di riciclaggio di 7.000 tonnellate di batterie agli ioni di litio scaricate e rottami metallici può aumentare di 50.000 tonnellate all’anno.

FONTI:

https://bbj.hu/

Hungarian Investment Promotion Agency – SungEel Hitech Hungary is opening a new global green battery recycling plant in Bátonyterenye (hipa.hu)

ARTICOLI RECENTI


Elena Pezzotti