L’Ungheria inizia il ciclo di rialzi dei tassi, aumentando il valore della valuta nazionale

Il Consiglio Monetario della Banca Nazionale d’Ungheria (MNB) ha deciso di aumentare il tasso di base della banca centrale di 30 punti base all’1,2% durante la riunione mensile di politica economica.

La Banca Centrale Ungherese ha aumentato il suo tasso di riferimento per la prima volta in un decennio per frenare l’inflazione più rapida dell’Unione europea e ha promesso aumenti mensili fino a quando le prospettive di crescita dei prezzi lo giustificheranno. Il fiorino ha superato le perdite iniziali.

Il tasso di base era stato aumentato di 30 punti nella sua riunione politica di giugno e aveva segnalato l’inizio di un ciclo di irrigidimento nell’aumento dell’inflazione. L’IPC ha raggiunto il 5,1% in aprile e maggio ed è salito al 5,3% in giugno, ben al di fuori della fascia di tolleranza del 2-4% della banca centrale.

Inoltre, è stato deciso di aumentare il tasso di deposito overnight (O/N) di 30 punti base allo 0,25% e i tassi di prestito collateralizzato O/N e a una settimana di 30 punti base al 2,15%. Il tasso di deposito O/N e il tasso di prestito collateralizzato segnano rispettivamente la parte inferiore e superiore del “corridoio dei tassi di interesse” della Banca Centrale. Il tasso di base è pagato sulle riserve obbligatorie e sui depositi preferenziali.

Il Consiglio monetario ha ribadito il suo impegno per la stabilità dei prezzi e ha riconosciuto i rischi al rialzo dell’inflazione.

“Il consiglio ritiene giustificato continuare il ciclo di rialzi dei tassi d’interesse prendendo misure decise su base mensile per assicurare la stabilità dei prezzi, evitare effetti inflazionistici di secondo impatto e ancorare le aspettative d’inflazione“, ha detto l’organismo.


Per ora, i politici hanno detto che i rischi sono chiaramente inclinati verso l’alto e hanno aumentato le loro previsioni al 4,1% annuo per quest’anno da un range di 3,8%-3,9%.

Il tasso di riferimento è stato aumentato allo 0,9% dallo 0,6%, come previsto, martedì in quella che è stata la prima grande stretta monetaria dell’UE dall’epidemia del coronavirus.

Per sottolineare l’impegno a rompere con anni di politica monetaria ultra-allentata, Matolcsy ha detto lunedì che l’Ungheria rischiava di attirare attacchi speculativi se non avesse agito. Ha inoltre aggiunto che la somma dei seguenti fattori potrebbe rivelarsi un mix combustibile: il bilancio del 2022, le elezioni, che potrebbero portare ad un ulteriore aumento dell’inflazione, e con tassi di interesse reali negativi.

Anche dopo che gli economisti hanno raddoppiato le loro previsioni di rialzo dei tassi, hanno seguito le aspettative degli operatori del mercato monetario, che scommettono che il tasso interbancario di Budapest a tre mesi – un indicatore ampiamente utilizzato per il tasso d’interesse prevalente nell’economia – aumenterà di più di 50 punti base entro settembre, per avvicinarsi all’1,5%.

Le prospettive incerte hanno scosso il fiorino, che è passato dalla seconda migliore valuta dei mercati emergenti in maggio – quando è aumentato del 3,7% contro l’euro – alla terza peggiore con un calo dell’1,2% finora in giugno.

Inoltre, è stato deciso di eliminare gradualmente il programma per fornire prestiti aziendali a basso costo, ma verrà mantenuto l’acquisto di titoli di Stato. In aggiunta, saranno lanciati strumenti a supporto della sostenibilità ambientale.

FONTE: BBJ | Bloomberg
FONTE FOTO: Transparency.hu

ARTICOLI RECENTI

Alberto Scandolara