BMW lancerà un nuovo veicolo basato su architettura elettrica a Debrecen

András Salgó, direttore delle relazioni aziendali presso la filiale ungherese del gruppo automobilistico tedesco, ha dichiarato che BMW lancerà un nuovo modello basato su un’architettura elettrica a Debrecen dalla metà del decennio 2020.

Ha poi spiegato che questa nuova generazione di architettura elettrica sarà chiamata Neue Klasse e rappresenterà un cambio di paradigma nella vita dell’azienda simile a quello dietro il modello originale del nome negli anni sessanta.

Sebbene il comune di Debrecen abbia ammesso, nelle prime fasi della crisi di Covid, che le parti si erano accordate per modificare le scadenze di diversi elementi di sviluppo in linea con il programma di investimenti di BMW, la valutazione della Commissione sulla situazione è ancora in sospeso.

Questi includevano la rete di telecomunicazioni, l’acqua potabile, le acque reflue, le acque piovane, la fornitura di gas, i collegamenti stradali e il centro intermodale. Tuttavia, nonostante le incertezze della pandemia e le note difficoltà dell’industria, il ministro degli affari e dei commerci esteri Péter Szijjártó ha confermato che lo stabilimento BMW di Debrecen sarà la chiave della strategia di elettromobilità della casa automobilistica tedesca.

Il ministro ha visitato la direzione dell’azienda a Monaco lo scorso dicembre e ha detto che l’Ungheria sarà tra i leader mondiali nell’era dell’auto elettrica, seguendo l’industria automobilistica tradizionale.
I punti interrogativi sull’investimento di Debrecen sono cominciati a venir fuori quando BMW l’anno scorso ha tagliato i suoi costi di investimento da 5,7 miliardi di euro dell’anno precedente a meno di 4 miliardi di euro, e la fabbrica è stata anche messa nella lista dei progetti rimandati.

Eppure è stato annunciato nel luglio 2018 che BMW avrebbe investito 1 miliardo di euro per costruire una fabbrica a Debrecen, impiegando 1.000 persone e producendo 150.000 veicoli con motori a combustione interna, ibridi o elettrici all’anno.

Il mercato è cambiato molto da allora, con la società madre che accusa  un calo della produzione dopo una prima metà dell’anno record, citando, per esempio, l’aumento dei prezzi delle materie prime e la carenza di circuiti semiconduttori. BMW ha venduto più auto che mai nella prima metà dell’anno e ha realizzato un profitto di 7,6 miliardi di euro.

Per il periodo luglio-dicembre, il CEO di BMW Oliver Zipse si aspetta rischi da interruzioni di fornitura e un periodo piuttosto volatile. Secondo l’amministratore delegato, BMW si aspetta di raggiungere una redditività del 9% in percentuale delle vendite per l’intero anno, dopo il 13% nella prima metà dell’anno.

I concorrenti di BMW stanno affrontando problemi simili e dopo un primo semestre forte hanno anche una prospettiva più cupa per il resto dell’anno: Daimler ha rivisto al ribasso le sue previsioni sul volume delle vendite e Audi si aspetta un calo della produzione e un aumento dell’occupazione part-time.

fonte: vg.hu
foto: dpa Picture-Alliance via AFP

ARTICOLI RECENTI

Gianluca Bruno