Budapest: i Palatinus aperti d’inverno

Se siete a caccia di idee per il vostro weekend a Budapest e vi spaventa la folla delle terme, prendete in considerazione anche i Bagni Palatinus.

Da quest’anno la popolare area balneare sull’isola Margherita opera tutto l’anno. L’orario di apertura è dalle 8.00 alle 20.00. I Palatinus comprendono un’area termale con acqua a 36C per gli adulti e una piscina per i bambini con temperatura tra i 32C e i 34C. In tutto contano 14 vasche, di cui 4 coperte e 10 all’esterno. Tra queste anche la piscina da 40 metri per il nuoto. L’ingresso base costa 2400 HUF nei giorni feriali (poco più di 7 euro) e 2800 HUF nel fine settimana (poco più di 9 euro). Come negli altri stabilimenti termali è possibile acquistare diversi tipi di massaggi e trattamenti per la pelle. Dal 1 gennaio 2018 l’impianto sarà inoltre compreso nei pacchetti XXL della carta ricreazionale All You Can Move, offerta come benefit da diverse multinazionali. 
Storia
Inaugurati nel 1921, gli impianti cari allo scrittore e giornalista Krúdy Gyula sono stati ampliati nel 1937 con l’edificio principale in stile Bauhaus diventato monumento nazionale. Una curiosità: l’Isola Margherita era sede anche delle terme omonime, che tuttavia, in stato di deterioramento, furono distrutte nel 1956. 
Se visitate Budapest per la prima volta, tenete presente che l’offerta non si limita alle terme più famose, che sono anche quelle prese d’assalto dai turisti. Se desiderate un’esperienza più autentica e vicina alla vita ungherese provate le Lukács, oppure i bagni Király: entrambi sono a Buda, vicino all’Isola Margherita. In caso di maltempo, inoltre, potete approfittarne per usare il nostro kit “Cosa fare a Budapest quando piove”: vale anche per la neve. 

Lettura consigliata: Budapest in 25 idee

Claudia Leporatti

Redazione Economia.hu 

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/