Budapest, in arrivo la Giornata del Design italiano nel mondo

Anche a Budapest il 2 marzo sarà la Prima giornata del Design Italiano nel Mondo, con 100 eventi in altrettante città di tutto il mondo. L’evento fa parte del cappello di iniziative che il Ministero degli Esteri ha identificato con il concetto/hashtag di “Vivere all’italiana”, di cui il design è uno degli assi portanti.

A Budapest come nelle altre 99 città coinvolte, un “Ambasciatore” della cultura italiana racconterà un progetto di eccellenza. Nel caso della capitale ungherese sarà Franco Caimi di Caimi Brevetti Spa, premiata realtà lombarda nel settore dell’arredamento di design e dei complementi di arredo per uffici, attiva dal 1949 e fondatrice della Fondazione dell’Associazione per il Design Industriale. 
“In una tavola rotonda con personaggi della formazione, dell’informazione e del commercio – si legge nel comunicato della Farnesina -,vengono confrontati i modi del progetto, le consuetudini, i processi. Ai testimonial viene inoltre richiesto di tornare in Italia con alcune segnalazioni di eccellenze del paese visitato (artigianato, innovazioni tecnologiche, modi di costruzione, materiali ecc.) per poi condividerle e verificare eventuali possibili contaminazioni progettuali.
Tutti gli eventi della giornata saranno introdotti dalla proiezione, in anteprima, del cortometraggio “Delightful” realizzato dal maestro Matteo Garrone per il prossimo Salone del Mobile.
La giornata è organizzata dall’Ambasciata d’Italia in collaborazione con ICE Agenzia Budapest e con l’Istituto Italiano di Cultura di Budapest e avrà luogo all’interno del Budapest Music Center, con ingresso su invito riservato agli addetti.

Claudia Leporatti

Redazione Economia.hu

Seguite l’evento su Economia.hu e sulla nostra pagina Facebook. #vivereallitaliana

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/