Budapest contro tassa su Internet. Fidesz: modifiche

Sta generando reazioni in tutto il mondo la proposta di introdurre in Ungheria una tassa sulla navigazione in Internet, un’idea, pare dello stesso Viktor Orbán, che è stata inserita nella bozza di Finanziaria 2015, presentata la settimana scorsa.

Domenica 26 ottobre diverse migliaia di persone hanno partecipato alla manifestazione di protesta organizzata nel giro di due giorni tramite Facebook: alcune testate scrivono che abbia coinvolto circa 10mila persone, molte altre parlano di 40mila. La dimostrazione sembra aver portato i primi effetti in Parlamento, con Rogán che parla di modifiche e di un tetto massimo per la tassa al principale portale di informazione ungherese. Quel che è certo è che una tassa del genere resterebbe indigesta ai più e che il governo dovrà quantomeno rivedere la proposta. Già oggi, infatti, il leader del gruppo parlamentare della Fidesz, Antal Rogán, ha dichiarato al maggior portale di informazione, Index.hu, che la legge subirà delle modifiche e che prima di tutto prevederà un limite massimo intorno ai 1000 fiorini (circa 3  euro). Secondo quanto scritto già la settimana scorsa da MTI la tassa potrebbe essere limitata a massimo 700 fiorini al mese per i privati e a 5000 fiorini per le aziende.

Claudia Leporatti

Fonti: MTI, Index.hu

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/