BUX positivo in attesa del rialzo dei tassi aiutato dal buyback di MTel

Inizio settimana poco mosso per il BUX che chiude le contrattazioni del lunedì praticamente invariato a -0.05%. Contrastati i titoli maggiormente rappresentati nell’indice con OTP Bank che sale del 1.93% mentre MOL e Gedeon Richter scendono rispettivamente del 1.24% e del 2.31%.

Martedì comincia con la pubblicazione dei dati di aprile sulla produzione industriale che mostrano un aumento de 59.2% YoY ed una flessione del 3.2% rispetto al mese precedente. Sempre in mattinata è stata pubblicata la notizia secondo la quale MOL dovrebbe portare al 100% la sua partecipazione in OMV Slovenija, acquistando la restante parte della società da OMV. In questo contesto il principale indice della Borsa di Budapest mette a segno un rialzo dello 0.60%. OTP Bank continua ad essere trascinatore dell’indice chiudendo a +2.11%. Tra gli altri titoli, seduta debole per la farmaceutica Richter che finisce in discesa di oltre un punto percentuale mentre si ferma vicino alla parità MOL dopo la notizia sull’acquisizione.

Nella giornata di mercoledì continuano le pubblicazioni dei dati economici con l’indice dei prezzi al consumo di maggio in salita dello 0.5% rispetto al mese precedente e del 5.1% anno su anno e con il dato preliminare di aprile della bilancia dei pagamenti che mostra un surplus di 321 milioni di euro. Nel pomeriggio è stato pubblicato il verbale della riunione di maggio del Consiglio Monetario della NBH dal quale risulta che i partecipanti hanno convenuto sull’aumento dei rischi legati al rialzo dei prezzi e sul fatto che ciò  potrebbe risultare in un aumento delle prospettive di inflazione per i prossimi trimestri. Il BUX, dopo essere sceso di quasi 2 punti percentuali in mattinata, nel pomeriggio ha parzialmente recuperato chiudenti a -0.70%.

Giovedì mattina è stata comunicata la decisione della Banca Centrale Ungherese di mantenere invariato il tasso settimanale sui depositi a 0.75%, prima di iniziare il ciclo di aumento dei tassi di interesse a partire dalla riunione del Consiglio Monetario in programma il 22 giugno. L’indice BUX ha chiuso la seduta in rialzo dello 0.56%, invertendo la rotta nella parte finale della giornata grazie ai rialzo di Richter e Magyar Telecom, dopo aver passato quasi l’intera sessione di contrattazioni in territorio negativo. Il titolo farmaceutico ha segnato un rialzo del 2.46% mentre MTel è salita del 2.42% dopo che gli scambi del titolo sono stati a lungo sospesi per un’asta di riacquisto di azioni proprie. Poco mosse OTP Bank e MOL che scendono rispettivamente dello 0.15% e dello 0.17%.

Anche venerdì è stata una giornata positiva, con l’indice che chiude in rialzo dello 0.76%. Tra i titoli maggiormente rappresentati spiccano MOL e Richter che guadagnano rispettivamente 2.09% e 2.03%. Da segnalare la performance di Opus Global che sale del 7.5% interrompendo alcuni giorni di ribasso consecutivi dopo che l’azionista di maggioranza, Lorinc Meszaros, ha dichiarato in un’intervista che il prezzo de titolo dovrebbe essere più alto di oltre il 50%. Al momento Opus è il titolo peggiore dell’indice da inizio anno con un ribasso del 16%. Il BUX chiude la settimana in rialzo del 1.17% trascinato in particolare da Magyar Telecom che, grazie anche all’operazione di buyback, segna una performance settimanale di +4.06%.

ARTICOLI RECENTI

Federico Fanin

Federico Fanin, dopo aver completato gli studi in Economia e Finanza presso l'Università di Genova e diverse esperienze internazionali, arriva a Milano dove inizia il suo percorso professionale nel mondo dell'asset management. Attualmente lavora come portfolio manager con un focus particolare sui mercati azionari internazionali e sui mercati emergenti sia azionari che obbligazionari. Nel suo lavoro ha modo di seguire da vicino le dinamiche macroeconomiche e quelle dei mercati finanziari.