Il gruppo Visegrád e la cooperazione con il Giappone per il boom economico post-pandemia

In un incontro con i diplomatici giapponesi a Varsavia, i Ministri degli Esteri del gruppo Visegrád (Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia e Slovacchia, nota anche come V4) hanno esortato il Giappone a valutare un più profondo coinvolgimento negli sviluppi e investimenti nelle infrastrutture in Europa centrale.

Gli investimenti giapponesi sono una parte importante delle economie dei paesi di Visegrad, in quanto rappresentano un alto valore aggiunto, tipicamente nell’industria. Tuttavia, ci sono ulteriori opportunità di investimento, compreso il settore dei servizi.

Il V4 prevede, infatti, di collegare i propri paesi con una linea ferroviaria ad alta velocità e ha sottolineato il ruolo del Giappone come leader globale nella costruzione e gestione di ferrovie ad alta velocità. 

“È chiaramente nell’interesse della V4 che il Giappone sia coinvolto in un ambito ancora più ampio nella cooperazione economica della V4, nello sviluppo delle infrastrutture nell’Europa centrale”, ha affermato Peter Szijjártó, Ministro degli Affari Esteri e del Commercio ungherese.

I vantaggi della cooperazione

In Ungheria sono 180 le società di proprietà giapponese che operano impiegando più di 40.000 persone

La cooperazione tra il Gruppo di Visegrad e il Giappone potrebbe contribuire a un boom economico nell’Europa centrale dopo la pandemia di coronavirus:

Secondo Szijjártó  “La cooperazione tra i paesi V4 e il Giappone potrebbe anche servire come “una base eccellente” per la cooperazione tra l’area di libero scambio dell’Estremo Oriente e l’UE,’’ ha affermato, oltre che ad ‘’assicurare la ripresa economica post-Covid”.

L’Istituto per gli affari esteri e il commercio (IFAT) ha lanciato una serie di eventi per analizzare la cooperazione economica e le prospettive tra i paesi di Visegrad e il Giappone dopo l’era COVID-19. La seconda tavola rotonda online della serie di eventi si è tenuta il 26 febbraio 2021, moderata da Péter Wintermantel, consigliere principale del gruppo MOL ed ex diplomatico ungherese a Tokyo. Il tema dell’evento è stato la “Cooperazione economica tra Giappone e paesi di Visegrad nell’era post-Covid”.

Inoltre, per quanto riguarda le Olimpiadi estive che si terranno in Giappone quest’anno, Szijjártó ha riportato che 150-160 atleti ungheresi potrebbero qualificarsi per i giochi. Ha aggiunto che il governo “rafforzerà la sua rappresentanza diplomatica a Tokyo” e delegherà gli addetti olimpici all’ambasciata ungherese.

Fonti: BBJ | Origo.hu | Istituto Affari Esteri e Commercio

Fonte foto: Istituto Affari Esteri e Commercio

ARTICOLI RECENTI

Arianna Cerri