Corte di Budapest decide su mutui FX

La Corte Suprema ungherese ha deciso di stabilire le linee guida per l’uniformità legale sulla valutazione della validità dei mutui in valuta estera. La mozione è stata pubblicata lunedì sul sito della Kúria (così si chiama la Corte Suprema in ungherese) ed è volta tra l’altro, secondo quanto dichiarato da György Wellmann, a capo del dipartimento civile dell’istituzione, a determinare se i mutui sono in valuta estera o in fiorini e se i contratti Fx sono validi o meno.

La Kúria deciderà quindi una procedura standard da applicare nelle aule dei tribunali che trattano cause contro le banche intentate dai contrattori di mutui che sono in difficoltà nel rimborsarli. L’intento sarebbe quello di fissare l’obbligo dei fornitori di prestiti di informare correttamente e con completezza, al momento della firma, chi chiede un mutuo FX e di indicare le conseguenze giuridiche del mancato rispetto di tale obbligo. La mozione si propone inoltre di trovare le possibili vie legali per la Corte di porre rimedio agli effetti provocati dal mutamento delle circostanze economiche sui firmatari di tali contratti. Un altro scopo che si prefigge è quello di individuare le misure giuridiche che i giudici possono adottare in caso si scopra che i contratti FX sono non validi e se tale non validità può essere applicata in toto o solo in parte ai contratti. La proposta, che sarà discussa il 16 dicembre, mira infine stabilire quando le modifiche unilaterali ai contratti sono conformi ai requisiti di trasparenza. 
3.800 miliardi di fiorini, a tanto ammonterebbero i prestiti in valuta straniera detenuti dai risparmiatori ungheresi secondo la Banca centrale: un costo cresciuto dal 2008 ad oggi, a causa del deprezzamento della moneta magiara. Le banche commerciali presenti nel Paese, intanto, temono un rialzo dei costi dovuto alle nuove procedure, dopo che già lo schema di salvataggio per i detentori di mutui fx lanciato dal governo ha provocato loro perdite superiori al milione di euro.

Claudia Leporatti

Redazione Economia.hu

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/