Crescita dei prezzi e del volume della produzione industriale

A settembre 2020, i prezzi alla produzione sono aumentati del 5,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, principalmente a causa del tasso di cambio HUF più debole. Allo stesso tempo, il rapporto di settembre 2020 realizzato da KSH mostra un aumento del volume della produzione industriale del 2,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Il grafico pubblicato da KSH mostra che l’industria si è in parte ripresa dallo shock primaverile e ha anche ottenuto piccoli guadagni. Tuttavia, guardando alle tendenze di crescita del passato anno su anno, si tratta di un guadagno relativamente piccolo. I rapporti nelle seguenti fasi ci forniranno un quadro più chiaro sugli effetti della recessione economica globale e su come un potenziale nuovo blocco potrebbe influire sulla produzione.

Aumentano del 5,2% i prezzi della produzione industriale nel settembre 2020

Il tasso di aumento dei prezzi è stato influenzato dall’indebolimento del tasso di cambio del fiorino nei confronti delle principali valute e dalle variazioni dei prezzi delle materie prime e di base. I prezzi alla produzione non interni sono aumentati del 7,3% e quelli interni dell’1,0%.

I prezzi alla produzione industriale dal 2015 al 2020.

A settembre 2020 rispetto a settembre 2019:

I prezzi interni alla produzione sono aumentati in media dell’1,0%, all’interno del quale i prezzi sono stati superiori dell’1,5% nella produzione, pari a un peso del 63%, e dello 0,3% inferiori nell’industria energetica (fornitura di elettricità, gas, vapore e aria condizionata), con un peso di 32%.

I prezzi in Ungheria sono stati ridotti dell’1,0% nei rami dei produttori di energia e intermedi nel loro complesso e sono aumentati del 5,7% nei produttori di beni strumentali e del 4,4% nei rami dei produttori di beni di consumo dai gruppi di uso finale dei rami produttori dell’industria.

prezzi alla produzione industriale non domestica sono stati superiori del 7,3%, all’interno dei quali i prezzi del manifatturiero, che rappresentano un peso di quasi il 95%, sono aumentati del 7,3% e quelli dell’industria energetica, con un peso del 4,9%, del 5,4%.

Da gennaio a settembre 2020 rispetto a gennaio-settembre 2019:

I prezzi della produzione interna sono aumentati dello 0,6% e i prezzi della produzione non interna del 5,2%, quindi i prezzi alla produzione industriale nel loro complesso sono aumentati del 3,6%.

Indici dei prezzi industriali 2020 economiahu fonte ksh
Indici dei prezzi industriali da settembre 2019 a settembre 2020 | Fonte: ksh

L’indice dei prezzi alla produzione (PPI), l’indice dei prezzi che misura le variazioni medie dei prezzi ricevuti dai produttori nazionali per la loro produzione. La sua importanza è minata dal costante calo dei manufatti come quota di spesa.

L’inflazione dei prezzi alla produzione ungherese è salita al 5,2% su base annua nel settembre del 2020 dal 3,6% del mese precedente, raggiungendo il livello più alto dall’ottobre del 2018.

I prezzi sono aumentati più rapidamente per la produzione (5,8% contro 4,8% ad agosto) e il costo rimbalzato per la fornitura di elettricità, gas, vapore e aria condizionata (1% contro -3,6%). Nel frattempo, i costi sono diminuiti per l’estrazione e l’estrazione (3,7% contro 4,6%) mentre sono diminuiti ulteriormente per la raccolta, il trattamento e la fornitura di acqua (-1,9% contro -1,4%).

Su base mensile, i prezzi alla produzione sono aumentati del 2,8%, dopo essere aumentati dello 0,7% nel mese precedente.

La produzione industriale è aumentata del 2,2% rispetto a settembre 2019 e del 2,3% su base mensile

A settembre 2020 il volume della produzione industriale è cresciuto del 2,2% su base annua secondo i dati grezzi. Sulla base dei dati corretti per i giorni lavorativi, la produzione è diminuita dell’1,0%. La crescita è stata del 2,3% rispetto al mese precedente secondo i dati destagionalizzati e corretti per i giorni lavorativi.

Il volume della produzione è cresciuto nel peso maggiore che rappresenta le sottosezioni: la produzione di attrezzature di trasporto, così come è aumentata in misura maggiore la produzione di computer, prodotti elettronici e ottici , mentre la produzione di prodotti alimentari, bevande e prodotti del tabacco è aumentata a un grado inferiore. Tuttavia, la produzione è diminuita nella maggior parte delle altre sottosezioni manifatturiere.

La produzione industriale è aumentata- dati da gennaio 2006 a settembre 2020-ungheria-khk-economia_hu

Nei primi nove mesi dell’anno la produzione è stata inferiore del 9,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

La produzione industriale a settembre – secondo indici destagionalizzati e corretti per i giorni lavorativi – è stata superiore del 2,3% al livello del mese precedente, ed è cresciuta del 61% rispetto ad aprile.

La produzione industriale è aumentata- novembre 2020-ungheria- fonte_khk-economia_hu

Confronto annuale per principale raggruppamento industriale e per Stato membro dell’Unione Europea

Eurostatat riporta che i prezzi alla produzione industriale nell’area dell’euro nell’agosto 2020, rispetto ad agosto 2019, sono diminuiti dell’8,7% nell’energia e dell’1,9% per i beni intermedi, mentre i prezzi sono aumentati dello 0,3% per i beni di consumo non durevoli, dello 0,8% per beni capitali e dell’1,5% per i beni di consumo durevoli. I prezzi nell’industria totale esclusa l’energia sono diminuiti dello 0,4%.

Nell’UE, i prezzi alla produzione industriale sono diminuiti dell’8,4% nel settore energetico e dell’1,7% per i beni intermedi, mentre i prezzi sono aumentati dello 0,6% per i beni di consumo non durevoli, dello 0,9% per i beni strumentali e dell’1,6% per i beni di consumo durevoli/merce. I prezzi nell’industria totale esclusa l’energia sono diminuiti dello 0,3%.

Le maggiori diminuzioni dei prezzi alla produzione industriale sono state osservate in Lituania (-6,8%), Lettonia (-5,1%) e Italia (-4,0%), mentre gli unici aumenti si sono registrati a Malta (+ 1,6%), Ungheria (+ 0,4%) e Slovenia (+ 0,3%).

Fonte: KSH | EUROSTAT | BBJ | Tradingeconomics

ARTICOLI RECENTI

Mate Foldi

Laureato in BSc Economics and Politics indirizzo International Study presso l'Università di Exeter. Interessato a perseguire una carriera in analisi e politiche estere, scrive per Econonomia.hu di economia e relazioni internazionali tra Ungheria e Cina.