Fitch conferma a Erste Hungary la valutazione BBB+ con outlook stabile

Fitch Ratings ha confermato lunedì il rating a lungo termine di Erste Bank Hungary di BBB+ con un outlook stabile, secondo un rapporto dell’agenzia di stampa statale MTI.

Erste Bank Hungary – BBJ

Il rating riflette “i forti indicatori strutturali dell’economia ungherese e il record di crescita stabile alimentato dagli investimenti. Questi sono bilanciati dall’alto debito pubblico, un record di mosse politiche non ortodosse, e un peggioramento degli indicatori di governance negli ultimi anni”, ha dichiarato Fitch.

“L’outlook stabile riflette l’aspettativa di Fitch di una ripresa economica sostenibile e di un percorso di consolidamento fiscale mite che permetterebbe ancora al rapporto debito pubblico di scendere, anche se lentamente, dal 2021″, ha aggiunto.

Fitch ha fissato la crescita reale del PIL dell’Ungheria al 6,5% nel 2021 e una media del 4,8% nel 2022-2023. Ha notato che la previsione per il 2022 presuppone una spinta fino a 1,1 punti percentuali del PIL da una proposta di riduzione dell’imposta personale per le famiglie con bambini.

Il rating si basa sul potenziale supporto disponibile dalla casa madre austriaca Erste Group, che detiene il 70% di Erste Bank Hungary.

“Secondo Fitch, la casa madre continuerà ad avere un’alta propensione a sostenere la sua filiale bancaria ungherese, a causa dell’alta importanza strategica della regione dell’Europa centrale e orientale per Erste“, ha aggiunto.

L’agenzia ha affermato che l’effetto dell’incertezza a breve termine derivante dalla pandemia sui profili di credito delle banche ungheresi “è contenuto” e che i rischi sono “mitigati dalle solide prospettive di ripresa del paese dovute alla normalizzazione economica, un’avanzata diffusione della vaccinazione e un basso tasso di disoccupazione”.

Fitch ha riconosciuto che la continua situazione generale sui finanziamenti “maschera il quadro di qualità degli asset di fondo in Ungheria”, ma ha affermato che “la solida redditività operativa pre-impianto e il ragionevole cuscinetto di riserve dovrebbero permettere alle banche di assorbire il potenziale deterioramento della qualità del portafoglio prestiti senza alcun indebolimento materiale della capitalizzazione”.

Gli analisti di Fitch Ratings a Londra sottolineano che l’economia ungherese si sta già riprendendo dallo shock causato dalla pandemia del coronavirus, e che i fattori che sostengono la crescita includono una politica fiscale ancora allentata, una produzione industriale resiliente, prospettive di investimento stabili e una domanda esterna in piena espansione.

Le previsioni includono anche i finanziamenti del fondo di recupero Next Generation EU (NGEU) dell’Unione Europea per mitigare l’impatto economico dell’epidemia di coronavirus, che prevedono che fornirà un significativo stimolo alla crescita a partire dal 2022.

La società prevede che lo sconto fiscale previsto per le famiglie con figli darà un impulso alla spesa per i consumi delle famiglie di 1,1 punti percentuali del PIL.

Fitch Ratings ritiene che un rischio al ribasso sia dovuto al fatto che la Commissione europea ritardi probabilmente l’approvazione del piano di ripresa ungherese presentato nell’ambito dello strumento di ripresa e resilienza dell’UE (RRF).

Tuttavia, l’agenzia di rating ritiene improbabile che i disaccordi con la Commissione europea sullo stato di diritto possano compromettere completamente l’accesso dell’Ungheria ai finanziamenti del RRF.

Le previsioni di Fitch sarebbero anche soggette a rischi al ribasso nel caso di ulteriori sviluppi negativi nella pandemia o nella riluttanza di una parte significativa della popolazione a ricevere i vaccini contro il coronavirus.

Secondo le previsioni di Fitch Ratings, il deficit pubblico ungherese come quota del PIL raggiungerà il 7,0% quest’anno, ma scenderà al 5,7% l’anno prossimo e al 4,1% nel 2023.

FONTE: BBJ | Uzletem.hu
FONTE FOTO: Shutterstock

ARTICOLI RECENTI

Alberto Scandolara