GKI: economia ungherese +3,2% nel 2020

L’economia ungherese potrebbe rallentare nel 2020, un rallentamento previsto fino al 2022, che limiterebbe la crescita dell’economia ungherese ad una percentuale del solo 3,2% l’anno prossimo, afferma GKI Economic Research Co.

L’analisi rivela che le dinamiche del PIL ungherese sono aumentate di circa 5% nel 2018-19, uno dei più veloci nell’UE. La crescita ungherese ha superato le previsioni di chiunque, in particolare quelle dell’UE ma anche quella della GKI. La rapida crescita è dovuta in parte ai trasferimenti dell’UE e in parte alla performance economica globale precedentemente favorevole, che ha generato un boom nell’industria e le esportazioni di servizi che sono state superiori alle aspettative. Anche le misure che stimolano la domanda interna, compresi gli accordi salariali accompagnati da riduzioni fiscali, hanno avuto un impatto.

Fonte: GKI

Tuttavia, è previsto un chiaro rallentamento dal 2020, che probabilmente continuerà fino al 2022, quando sono previsti meno aiuti dell’UE. La ragione di ciò è la scomparsa di alcuni sussidi UE, la graduale scomparsa di aumenti salariali forzati, la più debole situazione economica globale e, ultimo ma non meno importante, la modesta competitività del modello ungherese, afferma GKI.

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/