130 anni: la storia del tram e di Siemens a Budapest

Era il 1887 e a Budapest faceva il suo debutto il tram, con la linea che rappresenta ancora nel 2017, dopo 130 anni, il mezzo di trasporto d’eccellenza nella capitale ungherese. In concomitanza, festeggia 130 anni in Ungheria anche Siemens, il colosso dei trasporti e delle telecomunicazioni, la cui filiale ungherese nacque il 22 novembre 1887, giusto in tempo per inaugurare il tram.

Siemens, infatti, quel primo tram lo ha fornito e da allora è presente nella vita di buona parte dei cittadini di Budapest. 
IN PRIMA LINEA
Nel 1873 Buda, Pest e Óbuda venivano ufficialmente unite: nasceva la città di Budapest, seppure in una dimensione ben più piccola di quella che conosciamo oggi. Ancora ai tempi dell’Impero austro-ungarico e quindi prima ancora di diventare una capitale, Budapest era già all’avanguardia. Con la diffusione dell’energia elettrica, infatti, ben presto Budapest iniziò ad attrezzarsi per aprire la circolazione ferrata, su tram. La prima linea, inaugurata il 28 novembre 1887, era sperimentale e collegava la stazione occidentale (Nyugati) con la poco distante Király utca, lungo la circonvallazione cittadina. Circa un chilometro di distanza che aprì la strada alla creazione di una fitta rete di tram, tra cui le linee 4-6 che solcano i binari lungo la circonvallazione e collegano le due parti con un ferro di cavallo accessibile da buona parte di Buda e di Pest. I tram sono il più visibile contributo della Siemens alla vita quotidiana di Budapest e continuano ad evolversi. La prossima novità potrebbe essere il wifi sui “Combino” (vedi qui), le vetture che da 10 anni operano diverse linee, tra cui il 4-6. 
LA NASCITA DEL TRAM E LA STORIA DI SIEMENS IN UNGHERIA 
Il fornitore fu la Siemens & Halske, che aveva presentato la novità all’esposizione commerciale di Berlino nel 1879. Berlino, tuttavia, non era stata tanto lungimirante da credere alle innovazioni tecnologiche di Siemens, che aveva proposto una linea lungo Friedrichstrasse. La cittadinanza non voleva vedere “deturpato” lo scenario della città, proprio come negli anni Duemila ancora accade in alcune città italiane. Werner Von Siemens non si diede per vinto e riuscì a installare la prima linea di tram elettrici al mondo, sempre a Berlino, nel maggio 1881. 2,5 chilometri di lunghezza, nel distretto di Lichterfelde, utili a mettere alla prova questo nuovo mezzo di trasporto. La prima occasione di usare il nuovo sistema commercialmente si presentò nel 1887, in una “neonata” Budapest in pieno sviluppo urbanistico. La città accolse la proposta con favore, richiedendo una fase di test. I lavori, come da legge ungherese, iniziarono dopo la registrazione della società di costruzioni, la “Körúti Villamos Vasút Vállalat Siemens & Halske, Lindheim & Cie és Balázs Mór”. Iniziata ad ottobre, la linea fu messa a punto in poche settimane e inaugurata il 28 novembre, appena 6 giorni dopo l’avvenuta registrazione della società.
DA DUE CARROZZE AL MODELLO PER I TRAM DI NEW YORK…
Due carrozze a motore elettrico, con un totale di 18 posti a sedere e 14 in piedi, “correvano” alla velocità di 15 km/h (per motivi di sicurezza: la vettura poteva in effetti arrivare a 40 km/h). Nonostante connettesse appena due fermate, la linea fu un grande successo. L’anno seguente Siemens ottenne l’appalto per costruire un’intera rete di tram a Budapest. Il 30 giugno 1889 fu inaugurato il primo tratto, lungo 2,5 km, mentre alla fine del secolo, nel 1898 il sistema copriva circa 60km.  fu imitato da New York e Chicago, nonché da Parigi e da Bruxelles.
E DAL PRIMO TRAM E DALLA PRIMA METRO
Il 2 maggio 1896 arriva un’altra tappa chiave. Budapest è orgogliosa di dotarsi della prima metropolitana dell’Europa continentale e Siemens ancora una volta c’è: sono forniti da Siemens & Halske l’intero materiale elettrico delle carrozze, inclusi i motori e i cambi. Durante l’esposizione universale che si tenne nel 1896 nel boschetto cittadino di Budapest (Városliget), quella che oggi chiamiamo M1 o piccola sotterranea (földalatti), era un’incredibile innovazione, che trasportò oltre 2 milioni di passeggeri solo tra il maggio e la fine del settembre 1896.
130 DI QUESTI ANNI
“Sono passati 130 anni da quando Siemens ha rivoluzionato il trasporto locale in Ungheria” si legge nello speciale dedicato edito da Ewald Blocher degli archivi multimediali Siemens. Solo negli ultimi 20 anni, aggiunge Blocher, il Paese ha chiesto il supporto di Siemens per sostituire parte delle sue infrastrutture più datate. “Inoltre, l’Ungheria ha intrapreso un passo importante verso il futuro, con grossi progetti di mobilità sviluppati da Siemens. Nel manifatturiero – prosegue Blocher – la nazione si è evoluta in un importante nodo per la produzione europea”. E detiene alcune delle strutture di produzione automobolistiche più avanzate del mondo. “Come ha fatto negli scorsi 130 anni – conclude Blocher – Siemens continuerà in futuro a contribuire con la sua esperienza verso la modernizzazione del Paese”. 

Claudia Leporatti
Redazione Economia.hu

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/