Il mercato immobiliare si è ripreso rapidamente

“L’impatto del #Covid19 ha creato una situazione speciale, piú che altro per via del turismo. Ma nonostante le aspettative i prezzi sono rimasti stabili” dice Schenk Szilvia, Senior Consultant di ITL Real Estate.

La posizione di contrattazione degli acquirenti migliora, il tasso di turnover rallenta e tutti i tipi di proprietà, ad eccezione delle case unifamiliari, impiegano più tempo a vendere, scrive Otthon Centrum nella sua recente analisi.

La tendenza è stata invertita, concludendo gli anni di accorciamento dei tempi di vendita, secondo gli ultimi dati di Otthon Centrum. Lo ha affermato Gábor Soóki-Tóth, capo dell’analisi

l’effetto combinato del calo del turnover del mercato immobiliare nel 2019 e le restrizioni di primavera introdotte a causa del coronavirus hanno prevalso nei cambiamenti.

Rispetto ai dati dell’anno scorso, i tempi di vendita di appartamenti prefabbricati sono aumentati in media di due settimane e mezza (19 giorni). Simile il caso dei condomini tradizionali, con i venditori che si aspettano circa due settimane (14,8 giorni) in più. Dovendo così aspettare, in media, 102 giorni per firmare un contratto.

Di tutti i tipi di proprietà, solo le case unifamiliari hanno registrato un aumento dei tempi di vendita

Nel 2020, sono stati necessari, in media, 163,2 giorni per vendere tale proprietà. Questo è un accorciamento di nove giorni rispetto allo scorso anno (172 giorni). Va notato che anche questa cifra è lontana dal livello del 2008, quando una casa familiare era sul mercato per quasi due settimane in meno (151 giorni).

Come effetto combinato dell’inversione del mercato immobiliare nel 2019 e del coronavirus, il calo dei tempi delle vendite immobiliari si è fermato a livello nazionale | Fonte: Origo.hu

Non solo la durata dei tempi di vendita, ma anche i prezzi sono cambiati, anche se non in modo drammatico.

“Il calo delle vendite di case non è stato ancora seguito da un drastico cambiamento di prezzo come è avvenuto quando è scoppiata la crisi finanziaria del 2008. Con l’introduzione della moratoria sul rimborso dei prestiti, le vendite forzate di massa sono state evitate. Gli investitori non sembrano riluttanti a sbarazzarsi delle loro case, il cui valore si è addirittura moltiplicato negli ultimi anni. La tendenza al rialzo quinquennale, invece, sembra essere rotta. I prezzi sono più di una stagnazione, il che suggerisce un equilibrio tra domanda e offerta “, ha detto l’analista.

In termini di contrattazione, il quadro è più uniforme, anche la frequenza e l’entità dello sconto sono aumentate

La percentuale di affari ha raggiunto il livello di cinque anni fa e anche la differenza tra le categorie si è ridotta a una frazione. La media dei primi cinque mesi di quest’anno è stata superiore a quella dell’anno scorso. Mentre nel 2007 il venditore ha permesso una media del 5,3 per cento del prezzo indicativo di una casa unifamiliare, il tasso di contrattazione è stato dell’8,6 per cento nel 2019 e del 10,6 per cento in media quest’anno. Per i panel, lo sconto finale mostra un intervallo di numeri simile: 2,3 per cento nel 2007, 4,4 per cento nel 2018, 5,6 per cento nel 2019 e 8,4 per cento nel 2020. Nel caso dei condomini in mattoni, il tasso di sconto medio era del 3,5 per cento nel 2007, del 6,5 per cento nel 2019 e del 9,1 per cento nel 2020.

Variazione della differenza in percentuale tra il prezzo pubblicizzato dai venditori e il prezzo fissato nel contratto di trasmissione in base al tipo di proprietà | Fonte: Origo.hu

Certo, il quadro non è uniforme in tutto il paese. 

  • Nel caso delle case familiari, il tempo medio di vendita più veloce è stato misurato nei distretti esterni di Pest (87,9 giorni).
  • Le case di famiglia nelle piccole città rurali erano le più lente da vendere (219,7 giorni). 
  • All’altro estremo c’erano i complessi residenziali nelle città dell’agglomerato metropolitano il cui tempo di vendita era di circa cinque mesi (138 giorni).
  • Nel caso dei condomini, i dati del secondo trimestre hanno mostrato che i centri regionali si sono dimostrati i più imperdibili, con appartamenti venduti in poco più di due mesi (63,4 giorni).
  • I venditori in insediamenti molto più piccoli avevano bisogno di più pazienza (177,7 giorni).

Nel campo della contrattazione, quest’anno la situazione più sfavorevole riguarda le case familiari nei distretti esterni di Pest e nei centri rurali regionali.

Lo sconto medio qui è il più piccolo (7,8-9,3 percento), mentre nelle città centrali lo sconto finale può essere quasi il doppio (14,5 percento). Nel caso di condomini , non importa in quale tipo di insediamento si trova la proprietà, la deviazione dalla media degli affari è minima. Lo sconto medio a Buda e nell’agglomerato metropolitano era inferiore (7,6 per cento). Nelle piccole città i clienti potevano richiedere uno sconto molto più grande (10,9 per cento). – afferma nella comunicazione.

Fonte: Origo.hu | ITL REAL ESTATE

ARTICOLI RECENTI:

Contatta ITL Real Estate per i tuoi investimenti in Ungheria
Contatta ITL Real Estate per i tuoi investimenti in Ungheria
Avatar