Il volume dei container dalla Cina è aumentato del 13%

Secondo Rail Cargo Hungaria, il volume del carico di container intermodali dalla Cina in arrivo al terminal merci Rail Cargo Terminal-BILK di Budapest è aumentato di circa il 13% tra aprile e agosto, secondo Rail Cargo Hungaria, scrive Világgazdaság.

Rail Cargo Hungaria ha notato che il suo primo treno container dalla città cinese di Xian era arrivato nella capitale con 43 carrozze giorni prima. La rotta opererà settimanalmente in futuro. Alcuni dei container sul treno verranno inoltrati a destinazioni a Vienna, Monaco e Milano. Tra le merci sul treno ci sono i dispositivi di protezione individuale, l’elettronica domestica e gli indumenti.

Attualmente ci sono 2 treni in viaggio, mentre il terzo è in fase di assemblaggio a Xi’an.

Inoltre, secondo Index, la compagnia ha parlato anche di un’altra tratta ferroviaria su base bisettimanale. Il treno parte dalla città cinese di Jinan e arriva al Rail Cargo Terminal – BILK a Budapest attraverso Záhony (Ungheria). Il primo treno era composto da 40 vagoni e trasportava attrezzature mediche, maschere, salviette disinfettanti e guanti tra gli altri apparecchi.

Imre Kovács, presidente del CdA di Rail Cargo Hungaria e membro del CdA di Rail Cargo Austria, ha osservato che mentre i volumi di traffico si stabilizzeranno entro l’autunno e l’inverno, la regione molto probabilmente sperimenterà ancora una battuta d’arresto del 10-20% all’anno rispetto allo scorso anno.
L’aumento del volume di traffico tra aprile e agosto mostra che i due paesi vogliono riavviare la cooperazione economica il prima possibile.

Come ha affermato ad agosto il ministro degli Esteri ungherese, Péter Szíjártó, “la Cina è il secondo paese di importazione più rilevante per l’Ungheria […], quindi è importante riavviare la cooperazione economica bilaterale”. Oltre ad essere un forte partner commerciale, secondo Péter Szíjártó, la Cina svolge anche un ruolo importante negli investimenti diretti esteri (IDE) in Ungheria, per un totale di 5 miliardi di dollari ad agosto 2020.

FONTE: BBJ.HU | INDEX | VG

ARTICOLI RECENTI

Mate Foldi

Laureato in BSc Economics and Politics indirizzo International Study presso l'Università di Exeter. Interessato a perseguire una carriera in analisi e politiche estere, scrive per Econonomia.hu di economia e relazioni internazionali tra Ungheria e Cina.