L’impatto della chiusura dell’industria manifatturiera italiana sull’agricoltura ungherese

Secondo i dati dell’Ufficio Centrale di Statistica Ungherese, la chiusura dell’industria di trasformazione italiana potrebbe influenzare maggiormente le esportazioni dall’Ungheria di due prodotti: latte crudo e agnello.

Latte crudo

Secondo l’ analisi della Camera nazionale dell’agricoltura, il latte crudo è uno dei gruppi di prodotti che possono subire danni significativi per via delle misure dovute al coronavirus. L’arresto delle aziende di trasformazione italiane potrebbe causare un grave crollo del mercato.

Fonte: ksh

Il problema potrebbe essere aggravato dal fatto che da giugno 2019 è stata acquistata in Ungheria una quantità senza precedenti di latte negli ultimi anni e febbraio 2020 ha prodotto un valore record rispetto al febbraio degli anni precedenti.

Le esportazioni di latte e panna verso il Paese in genere iniziano ad aumentare da marzo a luglio, il che potrebbe cambiare quest’anno a causa del mutato ambiente operativo degli impianti di trasformazione italiani.

Fonte: ksh

Le esportazioni di latte e prodotti lattiero-caseari in Italia sono significative, 24 nel 2019, mentre il 31% delle nostre esportazioni di formaggio e cagliata è andato lì. 

Il 12% del latte e della panna condensati e zuccherati proviene dall’Ungheria dall’Italia.

FONTE: KSH

Agnello

L’altro nostro prodotto agricolo interessato potrebbe essere l’agnello, anche perché le sue esportazioni tendono a raggiungere il picco durante il periodo pasquale.

Il 1 ° dicembre 2019, la popolazione ovina era di 1,1 milioni, di cui circa due terzi sono detenuti dagli agricoltori nelle due regioni della Grande Pianura. Secondo i dati dell’Agrárium, censimento della struttura aziendale 2016, il 76% della mandria era in aziende con oltre 100 pecore.

Fonte: ksh

Sulla base della media degli ultimi 5 anni, circa 15.000 tonnellate di pecore vive hanno lasciato il paese ogni anno, il 91% delle quali erano agnelli. In media, l’80% delle esportazioni di ovini vivi è verso l’Italia, dove trasportiamo principalmente agnelli. Il ruolo dell’Italia nelle esportazioni di agnelli vivi è quindi ancora più importante, sebbene la sua quota sia scesa dal 92 nel 2015 all’83% nel 2019.

Fonte: ksh

La maggior parte delle esportazioni di agnelli in Italia vengono spedite per Pasqua, ma c’è anche un picco di agosto e di dicembre di ogni anno. Nell’aprile 2019, 2588 tonnellate di agnelli vivi sono state esportate dall’Ungheria.

Fonte: ksh

Nell’aprile 2019 sono stati macellati 5.000 animali, un record mensile negli ultimi anni, nel 2019 il volume totale è stato di 35.420. Sebbene la macellazione nei macelli domestici sia leggermente aumentata negli ultimi anni, le esportazioni di agnello fresco e congelato sono meno tipiche.

Fonte: KSH

Secondo i dati della CSO, oltre alla trasformazione dei macelli, la macellazione dei cortili è significativa anche in Ungheria, nel 2019 ha avuto luogo nel 22% degli animali.

Fonte: KSH

Articoli Recenti


Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/