Indice della vita digitale 2021: l’Ungheria è al 32esimo posto

L’Ungheria è al 32° posto nel mondo nella ricerca DQL 2021 condotta dalla società di sicurezza informatica globale Surfshark.

L’Ungheria è arrivata 22esima rispetto ai 38 paesi europei. Lo studio DQL 2021 copre il 90% della popolazione mondiale e indicizza 110 paesi esaminando cinque pilastri fondamentali della vita digitale: accessibilità a Internet, qualità di Internet, infrastruttura elettronica, sicurezza elettronica ed e-government.

A livello internazionale, le migliori classifiche dei criteri dell’Ungheria includono la velocità della banda larga (8°), la stabilità di Internet a banda larga (13°) e la stabilità di Internet mobile (25°). Le peggiori classifiche dei criteri del paese sono la crescita della velocità mobile (75°), l’indice dei servizi online (52°) e la crescita della velocità della banda larga (41°).

L’Ungheria ha mostrato una prestazione stellare sotto molti aspetti. La qualità di Internet e la sicurezza elettronica lo collocano infatti tra i primi 30 a livello internazionale, posizionandosi rispettivamente al 29° e al 28° posto. Entrambi i pilastri sono più forti del 20% rispetto alla media globale.

Detto questo, l’Ungheria è scesa di sette posizioni nell’indice complessivo dal 2020, sebbene il paese sia ancora al di sopra della media globale. Il più grande margine di miglioramento arriva dall’accessibilità di Internet, che è il principale responsabile del calo.


“Rispetto allo scorso anno, l’indice di accessibilità a Internet dell’Ungheria è diminuito del 55%. Gli ungheresi devono spendere quasi due ore al mese per permettersi il pacchetto Internet a banda larga più economico, un’ora e 33 minuti in più rispetto al 2020″

dichiarazione di Vytautas Kaziukonis, fondatore e CEO di Surfshark al Budapest Business Journal

Kaziukonis elenca perché l’accessibilità di Internet è un’arena che vale la pena considerare per il miglioramento. L’accessibilità della connessione Internet ha un impatto diretto sull’accessibilità di Internet. Lo stesso CEO di Surfshark afferma che un internet meno conveniente danneggia il benessere digitale complessivo di una nazione, visto che si tratta di un ciclo che si autogenera.

Margini di miglioramento

Anche se l’Ungheria fa leggermente meglio della media globale in tutti i pilastri DQL, collocandola tra i primi 40 a livello globale, ci sono aree definite che potrebbero essere ulteriormente migliorate.


“Il Paese è maggiormente in difficoltà con l’e-government e si colloca al 45° posto a livello mondiale. Potrebbe essere utile migliorare quest’area perché un migliore e-government aiuta a ridurre al minimo la burocrazia, a ridurre la corruzione e ad aumentare la trasparenza del settore pubblico. Inoltre migliora l’efficienza dei servizi pubblici e aiuta le persone a risparmiare tempo, influenzando la qualità della loro vita digitale”


Vytautas Kaziukonis, fondatore e CEO di Surfshark

Il paese è al quarto posto nell’Europa orientale, in ritardo rispetto ai suoi coetanei Visegrád Four; Repubblica Ceca, Polonia e Slovacchia. Considerando il punteggio ponderato della qualità della vita digitale, la Polonia è 25esima, la Repubblica Ceca 28esima e la Slovacchia 29esima, mentre l’Ungheria è 32esima.

Tuttavia, l’Ungheria è riuscita a battere i membri V4 nella qualità ponderata di Internet, classificandosi 29° e davanti a Polonia (36°), Slovacchia (43°) e Repubblica Ceca (53°).

Come accennato in precedenza, dove l’Ungheria ottiene un punteggio elevato, anche nel confronto globale, è nella velocità di Internet a banda larga, che è migliorata del 51%, raggiungendo i 167,815 Mbps, dall’inizio della pandemia di COVID-19. Anche la velocità di Internet mobile in Ungheria è migliorata del 25% e ora raggiunge i 44,8 Mbps, secondo Kaziukonis.

Mobilitazione efficace


“I dati mostrano che l’Ungheria è riuscita a mobilitarsi efficacemente di fronte al COVID-19 e si è preparata rapidamente alla vita quotidiana remota”


Vytautas Kaziukonis, fondatore e CEO di Surfshark

L’infrastruttura e le possibilità della tecnologia dell’informazione e della comunicazione (TIC) sono sufficienti per coltivare un ambiente imprenditoriale sano nel paese. L’Ungheria si colloca al 39° posto su 134 economie nell’indice di disponibilità della rete (NRI) 2020, che misura le prestazioni di tali stati attraverso 60 variabili. Anche questa classifica suggerisce un’elevata possibilità per il Paese di sfruttare le opportunità ICT.


“Sono molto importanti per il business internazionale, che oggi è profondamente legato al settore ICT. Inoltre, l’indice di utilizzo di Internet è salito a 0,89, il che significa che una quantità ragionevole di persone nel paese utilizza Internet. Infine, l’Online Services Index (0,75) è superiore alla media globale (0,71). L’indice valuta il sito web nazionale di ciascun paese nella lingua madre, inclusi il portale nazionale, il portale dei servizi elettronici e il portale della partecipazione elettronica, nonché i siti web dei relativi ministeri dell’istruzione, del lavoro, dei servizi sociali, della salute, delle finanze e ambiente, a seconda dei casi. Questo aspetto è vitale per gli investitori stranieri quando si tratta di questioni legali”,


Vytautas Kaziukonis, fondatore e CEO di Surfshark

Informazioni sulla ricerca

La classifica DQL 2021 ha esaminato una popolazione totale di oltre 6,9 ​​miliardi di persone in termini di cinque pilastri fondamentali e 14 indicatori di base che forniscono una misura completa, secondo Surfshark. La società globale di sicurezza informatica registrata nelle Isole Vergini britanniche e operante con un team distribuito a livello globale con sede a Cipro, Germania, Lituania (dove si trova il quartier generale dell’azienda), Paesi Bassi, Filippine, Ucraina, Regno Unito e Stati Uniti. Lo studio si basa su informazioni open source fornite da Freedom House, International Communications Union, Nazioni Unite, Banca mondiale e altre fonti.


“Le opportunità digitali si sono rivelate più importanti che mai durante la crisi COVID-19, sottolineando l’importanza per ogni Paese di garantire capacità operative completamente remote per le proprie economie. Ecco perché, per il terzo anno consecutivo, continuiamo la ricerca sulla qualità della vita digitale, che fornisce una solida prospettiva globale su come i paesi eccellono nel digitale. L’indice pone le basi per discussioni significative su come il progresso digitale influisca sulla prosperità di un paese e dove è possibile apportare miglioramenti”


Vytautas Kaziukonis, fondatore e CEO di Surfshark

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta nel numero cartaceo del Budapest Business Journal del 24 settembre 2021.

Fonte: bbj.hu | Fonte immagini: surfshark.com

ARTICOLI RECENTI

Antonio Cinus