Da aprile le società di somministrazione del personale applicheranno l’IVA

Revoca della deroga IVA per le società di leasing del personale

Il reverse charge sul lavoro temporaneo sta volgendo al termine e dal 1 aprile non sarà più il cliente ma la società di lavoro interinale ad addebitare e pagare l’IVA, annuncia Izbert Norbert, Segretario di Stato per le Fiscalità presso il Ministero delle Finanze.

Il Segretario di Stato ha affermato che il governo ungherese aveva cercato di ottenere a Bruxelles che il reverse charge, che era stata consentito due volte dalla fine del 2015, potesse continuare ad essere applicato al lavoro temporaneo, ma il Consiglio ha respinto la richiesta dell’Ungheria a causa dei progressi nella lotta all’economia sommersa.

La Commissione europea ha affermato che l’evasione fiscale è diminuita di 17,8 punti percentuali in sei anni.

Secondo il governo, non solo la fornitura di entrate alla tesoreria dello Stato, ma anche la protezione degli oltre 260.000 dipendenti così impiegati giustificava il mantenimento dell’inversione contabile. Le aziende che abusano del personale temporaneo in genere non solo danneggiano il budget, ma anche i dipendenti che non vengono dichiarati, quindi non avranno diritto a benefici, o anche se vengono segnalati, “dimenticheranno” di pagare tasse e contributi dai loro stipendi, ha affermato il Segretario di Stato.

Il reverse charge dell’IVA si è rivelato uno strumento mirato ed efficace: secondo i dati di audit dell’ufficio delle imposte, il rapporto tra il valore delle frodi IVA relative al lavoro temporaneo è sceso dal 15% nel 2015 a meno del 5% entro il 2019.

L’obiettivo è ridurre ulteriormente l’aliquota del 5%, il che è realistico anche senza la tassazione inversa, ha detto il segretario di Stato.

Come ha detto, le attività di lavoro temporaneo sono costantemente indagate dagli analisti del rischio presso la National Tax and Customs Administration (NAV) e se è probabile l’evasione fiscale, i revisori si recheranno immediatamente in azienda. NAV utilizza gli strumenti di applicazione della legge penale contro i truffatori, ha aggiunto.

La direttiva UE sull’IVA, vincolante per gli Stati membri, definisce i settori in cui è possibile modificare il metodo standard di pagamento dell’IVA. È il caso delle costruzioni o dell’acquisto di rifiuti, dove l’IVA inversa funziona con successo da anni. Inoltre, gli Stati membri possono chiedere una deroga, ossia una deroga individuale alla regola principale, se desiderano porre fine a una significativa evasione IVA.

All’inizio del decennio, la tassazione inversa era una delle più grandi armi miracolose contro l’economia sommersa, ma ora gli strumenti di whitening economico online come il registratore di cassa online, l’ekaer (sistema elettronico di controllo del traffico stradale) o la fattura online hanno trovato il loro posto in Ungheria, ha concluso il segretario di Stato.

Fonte: kormany.hu

ARTICOLI RECENTI

ITL HR SOLUTIONS - invia il tuo cv a info@itlgroup.hu
ITL HR SOLUTIONS – per le aziende interessate: info@itlgroup.hu
Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/