L’azienda italiana Kometa apre lo stabilimento di Kaposvár: un valore di 1,4 miliardi di HUF

L’azienda di carne ungherese di proprietà italiana Kometa 99 ha inaugurato un impianto di lavorazione dei sottoprodotti da 1,4 miliardi di HUF nella sua base a Kaposvár (185 km a sud-ovest di Budapest).

Kometa è diventata la prima azienda ungherese dell’industria della carne ad avere una tale struttura. Il ministro degli Affari esteri e del commercio Péter Szijjártó ha affermato che il governo ha sostenuto l’investimento, preservando 870 posti di lavoro, con una sovvenzione di 664 milioni di HUF.

Il sindaco di Kaposvar, Károly Szita, ha osservato che Kometa è il più grande datore di lavoro della città.

L’impianto, che mirerà anche a ridurre il carico sull’ambiente, ha una capacità annuale di trattamento pari a 15.000 tonnellate di sottoprodotti per alimenti per animali domestici e mangimi per animali o per le industrie chimiche e farmaceutiche. Dalla base dell’azienda di carne a Kaposvár, all’anno escono circa 8.000 tonnellate di sottoprodotti.

L’amministratore delegato dell’azienda, Giacomo Pedranzini ha dichiarato che il nuovo stabilimento potrebbe produrre 2.300 tonnellate annue di farina animale e di ossa, per la produzione di alimenti per animali domestici, e 1.300 tonnellate di grassi e oli animali per le industrie farmaceutiche ma anche per produrre carburante per motori di cogenerazione che producono elettricità.

Intervista di Economia.hu a Giacomo Pedranzini (2009)

Le parole del sindaco di Kaposvár

“Nel 2013, il capoluogo della contea di Somogy ha acquisito una partecipazione del 38% in Kometa con un aumento di capitale di 2 miliardi di HUF per aiutare l’azienda, che all’epoca si trovava in una situazione difficile, a garantire la sussistenza di dipendenti e fornitori.”, ha aggiunto il sindaco di Kaposvar, Károly Szita.

L’assemblea generale di Kaposvár decise cinque anni dopo che Kometa avrebbe rilevato la maggior parte delle azioni municipali della società.

La Kometa ha realizzato un fatturato netto di 46,5 miliardi di HUF nel 2019 e 54,2 miliardi di HUF nel 2020; la quota delle esportazioni è stata del 47% nel 2019 e del 43% lo scorso anno. I suoi principali mercati di esportazione sono Italia, Croazia, Slovenia e Germania.

L’azienda ha triplicato i suoi ricavi di vendita rispetto al 2013, impiegando più di 800 persone, principalmente a Kaposvár e dintorni. Ora mira ad un fatturato annuo di 600-700 milioni di HUF dalla vendita dei prodotti.

Fonte: Kometa

MFB Invest, Zito Group investe in Kometa 99

Secondo quanto annunciato dall’amministratore delegato Giacomo Pedranzini, gli investimenti di MFB Invest, il venture capital della Banca ungherese di sviluppo (MFB), e dell’agro-business croato Zito aumenteranno il capitale dell’azienda di carne ungherese di proprietà italiana Kometa 99 di 5,1 miliardi di HUF.

I due nuovi investitori saranno proprietari di minoranza, con la società ancora detenuta in maggioranza dalle famiglie italiane Pedranzini e Ruffini.

Dopo un lungo processo di negoziazione, è stato firmato il contratto sull’investimento, con MFB Invest che ha contribuito all’aumento di capitale per 3,3 miliardi di HUF e 1,8 miliardi di HUF Zito.

Il membro del consiglio di amministrazione di Zito, Zozo Ljubicic ha affermato che la sua azienda e Kometa fanno affari da cinque anni, durante i quali è diventata il partner “più significativo” dell’azienda. Zito, a conduzione familiare, alleva maiali e produce mangimi, tra le altre attività del settore agricolo.

“Siamo lieti di prendere parte allo sviluppo di Kometa
poiché anche la crescita dell’azienda contribuisce alla crescita di Zito“, ha aggiunto.

Fonte: BBJ | Napi.hu | Kometa

ALTRI ARTICOLI SULL’AZIENDA

ARTICOLI RECENTI

Arianna Cerri