Il sentiment di settembre sull’economia ungherese secondo le analisi di GKI

Mentre Moody’s cambia l’outlook del ranking dell’Ungheria in positivo, GKI annuncia che dopo agosto, l’indice del sentiment economico del GKI è diminuito anche a settembre, per il secondo mese consecutivo. Ciò sarebbe dovuto ad un certo deterioramento delle aspettative dei consumatori, poiché le aspettative delle imprese sono rimaste stagnanti.

L'indice di fiducia delle imprese è calcolato dalle risposte delle imprese dell'industria, del commercio, dell'edilizia e dei servizi date alle domande riguardanti lo stato degli affari e le aspettative di fatturato e occupazione.
L’indice di fiducia delle imprese è calcolato dalle risposte delle imprese dell’industria, del commercio, dell’edilizia e dei servizi date alle domande riguardanti lo stato degli affari e le aspettative di fatturato e occupazione.

Dopo un calo simile a uno shock nelle prospettive per gli operatori economici interni in aprile, si è verificata una significativa correzione positiva a maggio e giugno e una più modesta a luglio. L’indice del sentiment economico del GKI ha eliminato più della metà della caduta di aprile. A settembre, l’entità di questa eliminazione è scesa solo a metà della caduta di aprile.

Le aspettative delle imprese nei diversi settori

A settembre, le aspettative delle imprese sono leggermente migliorate nell’industria e nelle costruzioni rispetto ad agosto, e sono peggiorate nel commercio e nei servizi; tuttavia, questi cambiamenti erano effettivamente vicini alla stagnazione.

Nel settore delle costruzioni: le prospettive né per le società di ingegneria strutturale né per quelle di ingegneria civile sono cambiate in modo significativo a settembre. Sebbene la valutazione della produzione nei tre mesi precedenti sia notevolmente migliorata rispetto ad agosto, quella degli ordini è rimasta invariata.

Nel commercio: la valutazione delle posizioni di vendita è diminuita sensibilmente a settembre dopo un aumento di due mesi, mentre è migliorata quella degli ordini. La valutazione del livello delle scorte è cambiata di poco.

Nei servizi: la valutazione del clima economico generale è stata più favorevole a settembre che ad agosto, mentre peggiorano le aspettative di vendita.

Il sentiment su assunzioni e disoccupazione

Sulle assunzioni: La disponibilità del settore imprenditoriale ad assumere non è cambiata a settembre, con un po’ più di aziende che pianificano di ridurre il proprio personale piuttosto che aumentarlo in ciascun settore. Le intenzioni di assumere sono leggermente migliorate nell’industria e sono leggermente peggiorate nel commercio e nei servizi. La paura della disoccupazione è aumentata solo modestamente tra le famiglie ad agosto e più fortemente a settembre.

Le intenzioni di aumentare i prezzi si sono intensificate nell’industria e nel commercio, mentre si sono indebolite nell’edilizia e nei servizi. Tuttavia, le modifiche sono minime. Allo stesso tempo, le aspettative inflazionistiche dei consumatori si sono notevolmente attenuate.

A settembre la valutazione del futuro dell’economia ungherese si è fortemente deteriorata in tutti i settori e tra le famiglie, soprattutto nel commercio e nei servizi.

Le aspettative dei consumatori hanno neutralizzato poco più della metà del loro calo in aprile entro settembre e la tendenza al rialzo è stata già interrotta in agosto. Le famiglie hanno valutato la propria situazione finanziaria leggermente migliore a settembre rispetto ad agosto. La loro valutazione riguardo alle loro capacità di risparmio è rimasta invariata, mentre hanno considerato un po’ peggio la possibilità di acquistare beni durevoli di alto valore.

Fonte: GKI | report in inglese

ARTICOLI RECENTI

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/