Dichiarazione dei redditi in Ungheria 2017

Sulla homepage del fisco ungherese il conto alla rovescia è scattato per la consegna delle dichiarazioni dei redditi. Se solo a sentire queste parole ti viene il mal di testa devi sapere che da quest’anno in Ungheria ci sono importanti cambiamenti sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche e una notevole facilitazione del processo. Ne parliamo con Sheila Moriconi di ITL Consulting per stilare un sintetico vademecum alla compilazione della dichiarazione dei redditi in Ungheria. 

L’anno scorso l’autorità fiscale ungherese (NAV) ha investito 4,3 miliardi di fiorini nelle tecnologie hardware e software necessarie a disporre un maggior numero di dichiarazioni dei redditi. Secondo l’autority il costo sarà assorbito al massimo nel giro di due anni grazie al risparmio sulla carta. La legge approvata nel 2016 prevede che NAV prepari quest’anno le dichiarazioni dei redditi per tutti i contribuenti che hanno inviato i dati fiscali al fisco. La misura non riguarda i lavoratori autonomi e i privati soggetti a IVA. I contribuenti che hanno reddito al di fuori del proprio salario, come capital gains, devono fornire i dati addizionali nella loro dichiarazione dei redditi. “I contribuenti hanno due mesi di tempo per verificare la correttezza delle loro dichiarazioni dei redditi, che devono poi essere rispedite entro il 22 maggio” spiega Sheila Moriconi di ITL Consulting

Qual è il principale cambiamento 2017 riguardante la dichiarazione dei redditi in Ungheria?
Da quest’anno per la prima volta è possibile richiedere all’autorità fiscale ungherese, la NAV, di preparare e fornire la bozza della propria dichiarazione dei redditi. In altre parole il contribuente non deve far altro che inviare i dati e controllare che la bozza prodotta dalla NAV sia corretta e completa. Nella bozza sarà indicato il bilancio finale dopo il calcolo delle imposte pagate e dei benefit ricevuti. Può essere un importo nullo, possono esserci delle tasse ancora da pagare o un conguaglio da ricevere dal fisco.
Sarà sempre possibile compilare la propria dichiarazione dei redditi e inviarla alla NAV come in passato?
Certamente. La compilazione da parte della NAV è un’agevolazione a costo zero di cui i contribuenti possono usufruire, ma niente vieta di compilare i moduli per conto proprio.
Mettiamo che il contribuente decida di richiedere alla NAV la precompilazione della dichiarazione dei redditi. Cosa deve fare?
Prima di tutto è consigliabile registrarsi allo Sportello Clienti sul sito www.nav.gov.hu o (www.magyarorszag.hu) da cui sarà possibile controllare e se necessario modificare la bozza stilata dall’autorità fiscale. Dal 15 marzo per presentare la richiesta l’unico modo è di inviarla all’ufficio della NAV.
Quando riceverò la bozza compilata dalla NAV?
La bozza arriverà via posta, entro il 2 maggio 2017.
La NAV prepara la bozza di dichiarazione dei redditi anche per i lavoratori autonomi?
No. La compilazione da parte dell’ufficio fiscale è limitata ai lavoratori dipendenti o che comunque ricevono il loro reddito da qualcuno. Coloro che hanno un reddito da altre fonti possono comunque utilizzare la piattaforma online dalla NAV tramite la form “16SZJA” sul programma ÁNYK. 
La dichiarazione può essere delegata al datore di lavoro?
Sì, coloro che nell’anno fiscale in questione hanno ricevuto reddito solo dal datore di lavoro possono richiedere che sia il datore di lavoro, se consenziente, a preparare le loro dichiarazioni dei redditi.

Leggi qui la precedente puntata del nostro speciale “Vivere in Ungheria” dedicata alle pensioni.

Claudia Leporatti
Redazione Economia.hu

Per ulteriori informazioni contatta gli esperti di ITL Consulting!

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/