La riforma del sistema IVA intra-UE

La Commissione Europea sta lavorando ad un’ampia riforma del sistema di raccolta dell’IVA , che porterebbe a una notevole facilitazione degli scambi tra Paesi, oltre a una riduzione delle frodi.

Il 4 ottobre 2017 la CE ha avviato i piani per la più grande riforma delle regole IVA dell’ultimo quarto di secolo di storia dell’UE, con entrata in vigore prevista entro il 2019, a meno di cambiamenti. “Attualmente l’IVA sulle transazioni transfrontaliere viene versata nel Paese di destinazione del bene, mentre l’operazione nel Paese di origine resta esente – spiega Tolnai Gábor di ITL Tax Advisor -. Secondo la nuova proposta, l’IVA verrà raccolta dal Paese di origine, il quale la riverserà al Paese di destinazione, applicando l’aliquota di quest’ultimo”. 

La motivazione di tale riforma è chiara: 

Ogni anno si stima una perdita da mancato gettito IVA pari a 150 miliardi di euro, di cui circa 50 miliardi di euro sulle transazioni transfrontaliere. 

Gli effetti, tuttavia, saranno più ampi e riguarderanno anche le imprese. “Per le aziende – prosegue Tolnai – questa riforma comporterebbe una notevole semplificazione e uno snellimento di costi e tempi.” 

Se ad oggi, infatti, serve un contatto nel Paese di destinazione – in genere una società di servizi fiscali – gli esercenti e le imprese potranno eseguire i pagamenti attraverso il portale unico del loro Paese, senza problemi di lingua e sotto le regole del proprio Paese.  Il progetto prende le mosse da specifiche richieste dei Paesi Membri. Adesso la riforma deve essere vagliata ed approvata dagli stati membri del Consiglio e dal Parlamento Europeo. Come si legge sul sito di TRA (la rete professionale dei fiscalisti paneuropei, di cui fa parte ITL Group), nel corso del 2018 l’UE produrrà una proposta di legge per emendare la “Direttiva IVA”. 

Claudia Leporatti
Redazione Economia.hu

Per ulteriori informazioni: ITL Tax Advisor

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/