L’ANGOLO DELLA SOSTENIBILITÀ

Parliamo di sostenibilità!

Nello specifico, parliamo di progetti per lo sviluppo energetico sostenibile. Siano esse imprese private, piuttosto che enti pubblici, singoli individui, collettività od interi Paesi, Economia.hu vuole farsi finestra verso un mondo più responsabile. In linea con i principi di Atlas World, vorremmo offrire la possibilità di entrare in contatto con realtà Ungheresi che vogliono fare la differenza attraverso progetti etici, sostenibili e creativi.

Come? Semplicemente attraverso una rubrica mensile che possa essere non solo una fonte di conoscenza ma anche un’importante fonte di ispirazione.

Le notizie più importanti del mese di agosto in tema di energia sostenibile in Ungheria che abbiamo deciso di riportare in questo articolo sono:

  • Inizia la costruzione del sistema energetico “verde” del terminal East-West Gate nell’Ungheria orientale
  • L’ungherese CMC Europe progetta di costruire una centrale solare a Sombor, in Serbia
  • Grande interesse per la gara d’appalto per le tariffe di alimentazione in Ungheria

In questo contesto, cogliamo l’occasione per ringraziare il Budapest Business Journal in qualità di fonte di informazioni grazie alla sua newsletter giornaliera dal nome Energy – Today.

Inizia la costruzione del sistema energetico “verde” del terminal East-West Gate nell’Ungheria orientale

I lavori di costruzione da 30 miliardi di HUF (circa 86 milioni di euro) del sistema energetico del terminale logistico intermodale East-West Gate sono iniziati. In costruzione a Fényeslitke, vicino ai confini dell’Ungheria con l’Ucraina e la Slovacchia, funzionerà interamente con energia verde, ha detto mercoledì la società incaricata della comunicazione dell’investimento. L’impianto dovrebbe entrare in funzione nel primo trimestre del 2022. 

I veicoli elettrici saranno utilizzati per il trasporto interno e il trasporto dei lavoratori nella struttura di 85 ettari. Il terminal utilizzerà principalmente l’elettricità generata dalla propria centrale solare da 2 MW (megawatt), e un parco batterie da 6 MW sarà allestito per lo stoccaggio dell’energia. L’operatore prevede di acquistare l’elettricità supplementare necessaria da una fonte verde.

L’ungherese CMC Europe progetta di costruire una centrale solare a Sombor, in Serbia

Lo sviluppatore ungherese CMC Europe Kft intende costruire una centrale solare nel territorio di Sombor, nella provincia autonoma della Vojvodina, in Serbia, ha riferito il portale di notizie Serbia-business.eu. 

Il sindaco di Sombor, Antonio Ratković, e il direttore strategico di CMC Europe Kft, György Páris, hanno firmato un protocollo di cooperazione, ha riportato il portale d’affari. Questo primo incontro, secondo il sito web della città, ha seguito la visita della delegazione di Sombor alla città ungherese di Kaposvár, durante la quale hanno avuto l’opportunità di conoscere il funzionamento di un impianto solare CMC Europe. 

Nel 2020, CMC Europe Kft ha investito e costruito una centrale solare da 100 MW (megawatt) a Kaposvár, nel sud-ovest dell’Ungheria, uno dei più grandi parchi solari dell’Europa centrale e orientale (CEE) con un valore di 32 miliardi di euro (37,6 miliardi di dollari). Il progetto è stato commissionato alla fine di gennaio 2021. 

Le attività principali di CMC Europe, con sede a Budapest, riguardano la costruzione, gli investimenti e gli appalti internazionali, lo sviluppo e la gestione di energie rinnovabili, energia convenzionale, impianti industriali, infrastrutture, nonché la fornitura di servizi tecnici professionali.

Grande interesse per la gara d’appalto per le tariffe di alimentazione in Ungheria

L’ufficio ungherese di regolamentazione dell’energia e dei servizi pubblici (MEKH) ha ricevuto offerte per 1.009 GWh (gigawatt-ora) di elettricità generata da risorse rinnovabili in una gara per le tariffe feed-in (FiT) disponibili per 300 GWh, ha detto MEKH lunedì. 

Le offerte potevano essere presentate nell’ambito della tariffa di alimentazione METAR dal 1 luglio fino al 30 luglio 2021. La maggior parte delle offerte riguardava l’energia solare, ma ce n’era una anche per una centrale elettrica da 0,5 MW alimentata dal gas delle discariche. La capacità combinata delle centrali nelle offerte è di 629 MW. 

Il prezzo medio ponderato dell’offerta era di 18,41 HUF per kWh (0,052 euro). Nella precedente gara METAR, nel 2020, il prezzo medio ponderato dell’offerta era di 20,66 HUF per kWh. Il presidente di MEKH, Péter Horváth, ha detto che i prezzi d’offerta sono migliori dell’anno scorso, nonostante le dimensioni più piccole della centrale e le maggiori incertezze del mercato, che riflettono lo sviluppo della tecnologia dei pannelli solari. I vincitori della gara dovrebbero essere annunciati ad ottobre o novembre. 

FONTI:

https://bbj.hu/

ARTICOLI RECENTI

Elena Pezzotti