Lavoro/Intervista: in Ungheria aumentano gli stipendi, cause e previsioni

Il balzo del 7,5% dei salari reali nel periodo Gennaio-Agosto 2016 e l’aumento del 6% dei guadagni medi lordi negli stessi mesi sembrano indicare un cambio di tendenza nel mondo del lavoro ungherese, che soffre di carenza di lavoratori. Abbiamo intervistato Judit Graczer di ITL HR Solutions per capire questi dati e come si rifletteranno sulle strategie future delle aziende in Ungheria.

A cosa è dovuto l’aumento delle retribuzioni?
Nell’Ungheria di oggi rispetto a quella di vent’anni fa ci sono molte più persone nel mercato del lavoro, oltre a un maggior numero nei lavori socialmente utili. 
Parallelamente il numero degli abitanti è sceso di circa 500.000 persone, senza contare le centinaia di migliaia di cittadini ungheresi che lavorano all’estero. Tutti questi fattori hanno provocato una contrazione  del mercato del lavoro che richiede un maggiore sforzo per generare forza lavoro.
Di quanto sono aumentati e aumenteranno i salari?
Già dal 2014 e 2015 l’Ungheria è un Paese che deve lottare contro la mancanza della manodopera e come una conseguenza diretta anche i salari cominciano ad aumentare. Negli anni precedenti l’aumento nominale dei salari si attestava sul 4 % mentre adesso raggiunge il 5-6% all’anno nel settore privato.
Gli stipendi continueranno a crescere?
La fine di questo fenomeno non si profila all’orizzonte, per il momento. Sono prevedibili aumenti salariali ancora più consistenti nel prossimo futuro, si parla addirittura di incrementi del 10%.
L’aumento salariale tuttavia non è ancora collegato all’aumento della produttività, per cui al momento le imprese aumentano salari a sfavore della loro redditività non avendo altra scelta per attirare o mantenere i dipendenti. Questo implica che, se non ci saranno cambiamenti, anche le imprese saranno costretti di aumentare i prezzi. I prossimi 6-12 mesi saranno interessanti da questo punto di vista.

L’esperta

  Con oltre 20 anni di esperienza nella Ricerca del Personale per importanti aziende italiane e multinazionali in Ungheria, nel 2014 Judit Graczer si è unita a ITL Group diventando rapidamente responsabile della divisione ITL HR Solutions. Revisore Interno registrato, è inoltre un Coach in Business & Management. Parla fluentemente italiano, inglese, tedesco, oltre, naturalmente, all’ungherese.

Foto di Andrea Piacquadio, progetto grafico di Mira Judit Szantó

Claudia Leporatti

Redazione Economia.hu

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/