Le condizioni delle lavoratrice del sesso in Ungheria nel 2020

Il 20 febbraio 2020, in Ungheria, l’Associazione ungherese per le prostitute SZEXE, membro ungherese dell’ICRSE (International Committee on the Rights of Sex Workers in Europe) ha organizzato un evento per presentare le proprie scoperte, sullo stato attuale delle condizioni di lavoro sessuale nel paese, riporta Sexworkeurope.

Questo rapporto fa parte del progetto internazionale Rights no rescue, volto a mappare le condizioni delle prostitute migranti in Europa. Oltre 200 lavoratrici del sesso hanno contribuito con le loro conoscenze ed esperienze vissute alla stesura del rapporto.

I risultati mostrano che la maggior parte delle prostitute ungheresi non é a conoscenza del fatto che il lavoro sessuale in Ungheria sia legale dal 1999.

Nagyon szépen köszönjük mindenkinek, aki eljött tegnap az Emberkereskedelem, kiszolgáltatottság | konferenciankra! ✨☂️Rengeteg hasznos információt találtok a témában az új honlapunkon, a www.szexe.hu-n!

Posted by Szexmunkások Érdekvédelmi Egyesülete on Wednesday, February 19, 2020

Poiché il quadro giuridico è precario, questo a sua volta rende molti vulnerabili a diventare vittime della tratta di esseri umani. Soprattutto quelli che provengono da un passato povero o sono stati allevati dallo stato.

  • Il rapporto mostra tra 8-10 mila prostitute ungheresi che lavorano nel paese e all’estero.
  • Di questi il ​​90 percento sono donne, la maggior parte lavora al chiuso e solo il 5 percento dichiara di svolgere lavori di strada.
  • Con un’età media di 36 anni, il più giovane di 18 e il più vecchio di 64 anni.
  • Mentre quasi i due terzi degli abitanti di Budapest affermano di lavorare legalmente, questa percentuale era del 46% tra le popolazioni rurali e la percentuale di persone insicure era il doppio rispetto alle popolazioni rurali.

Ciò è sorprendente perché da più di venti anni, precisamente dal 1999, il lavoro sessuale è stato legalizzato per chi abbia compiuto i 18 anni. Per fare ciò, é necessario essere in possesso di un certificato medico attestante che ha effettuato i test di screening obbligatori ogni tre mesi.

Tutto ciò dimostra una grande mancanza di consapevolezza giuridica all’interno del gruppo di prostitute, che aumenta anche notevolmente la vulnerabilità e il potenziale di abuso della conoscenza.

afferma il sondaggio.

Zone protette e abitazione

Per legge, in Ungheria ci sono zone di lavoro “protette” libere da rapporti sessuali, come il quartiere di 300 m che circonda chiese, scuole o cementerie. Dove le prostitute non possono lavorare. Inoltre, anche i governi locali possono creare tali zone. Nonostante la legge, non ci sono abbastanza zone di tolleranza. Inoltre, le prostitute non possono assumere una guardia di sicurezza o un autista.

Vietare l’affitto di appartamenti è una delle maggiori preoccupazioni per le prostitute

E non può affittare un appartamento perché, in tal caso, il locatore avrebbe commesso il crimine di eseguire prostitute. Questo è considerato il problema più grande per le prostitute intervistate nel sondaggio; se potessero affittare legalmente un appartamento per lavoro sessuale. Hanno affermato che in questo modo potrebbero lavorare in condizioni più trasparenti e più sicure, sarebbero meno a rischio di sfruttamento.

Abusi, posizione di vulnerabilità e sicurezza

Più della metà degli intervistati ha subito un qualche tipo di abuso fisico. Il 15 percento di loro ha affermato di essere già stato vittima della tratta di esseri umani almeno una volta nella vita. Mentre 1 su 10 ha dichiarato di essere stato vittima della tratta di esseri umani più di una volta. Il ruolo della coercizione è stato menzionato più volte nel questionario, scrive András Mizsur su Index.

La maggior parte delle prostitute nascondono ciò che fanno alla propria famiglia, e questo è un fattore significativo perché non hanno nessuno a cui rivolgersi in caso di bisogno.

Hanno aggiunto che hanno paura di denunciare eventuali ingiustizie alla polizia. Gli intervistati hanno avuto un’esperienza molto varia con l’azione della polizia: oltre 130 (il 68%) dei 202 intervistati hanno dichiarato di aver commesso un crimine nel corso del loro lavoro, rispetto ai 40 che non lo hanno segnalato perché temevano la polizia, 30 nel caso della prostituta non è successo altro che il rapporto. Solo sei (3%) hanno riferito di non poter presentare un reclamo alla polizia per qualche motivo.

L’ICRSE raccomanda alle autorità ungheresi di fermare la stigmatizzazione delle prostitute a tutti i livelli, sia a livello delle forze di polizia che nelle aule. E afferma che migliorare il quadro legale sul lavoro sessuale, permetterebbe alle lavoratrici del sesso di avere maggiore sicurezza.

Fonte: www.sexworkeurope.org | Index.hu

ARTICOLI RECENTI

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/