Le nuove restrizioni in Ungheria dal 4 novembre

Mercoledì 4 novembre è entrato in vigore il decreto governativo che dichiara l’emergenza. Il governo ha deciso di reintrodurre lo stato di emergenza da mezzanotte del 3 novembre a causa dell’epidemia di coronavirus. Il primo ministro è stato nominato dal governo come membro del governo responsabile per affrontare le conseguenze della pandemia di coronavirus. Al Parlamento è chiesto di prolungare questo stato di emergenza di 90 giorni, ha annunciato il primo ministro Viktor Orbán in un video caricato martedì sulla sua pagina Facebook.

https://www.facebook.com/watch/?ref=external&v=2700893873509302

Ha anche detto che il governo imporrà un coprifuoco tra mezzanotte e le 5 del mattino “Tutti devono tornare a casa entro mezzanotte”.  La regola di restrizione del coprifuoco entrerà in vigore il 5 fino al 30 novembre.

Può essere lasciata casa solo per il lavoro, il trasporto al luogo di lavoro, il trasporto dal luogo di lavoro al luogo di residenza, residenza o alloggio, o se si verifica una situazione che minaccia danni alla salute, pericolo di vita o lesioni gravi, o allo scopo di proteggere la vita.

I decreti governativi sulla dichiarazione di una situazione di emergenza e sulle misure di protezione aggiuntive da applicare durante un’emergenza sono stati pubblicati nella Gazzetta ungherese.

Il rispetto delle regole è monitorato dalla polizia, che sta aumentando i controlli.

I locali notturni devono essere chiusi

  Per quanto riguarda le misure di protezione per gli eventi, il decreto del governo stabilisce che è vietato organizzare, tenere o partecipare a un evento che “fornisce servizi musicali forniti come servizio principale in un’occasione regolare o specifica o in un momento determinato, pubblico e non, spettacoli discografici selezionati o spettacoli dal vivo” e in cui non è necessario avere un posto assegnato per partecipare. Viktor Orbán ha anche detto che i locali notturni saranno chiusi perché, secondo il rapporto della tribù operativa, è semplicemente impossibile far rispettare le regole in questi luoghi.

Trasporti pubblici potenziati e parcheggi gratuiti

   Al fine di ridurre la congestione del trasporto pubblico, è stata ordinata la congestione del traffico nelle ore di punta (per l’orario di lavoro tra le 7:00 e le 9:00 e tra le 15:00 e le 19:00) e il parcheggio è stato reso nuovamente gratuito.

Distanza obbligatoria e mascherina da indossare nei cinema, teatri, sport e altri eventi.

In occasione di eventi, eventi sportivi, cinema e teatri, potrai sederti solo su una sedia su tre e l’uso della mascherina è obbligatorio. Nei ristoranti potrà essere tolta solo durante il pasto.

Se possibile, dovrebbe essere prevista una distanza di 1,5 metri l’uno accanto all’altro e tra coloro che siedono in file diverse. Deve essere mantenuta una distanza di 1,5 metri anche nei lodge, in loco, durante le pause per eventi culturali o sportivi e nel punto ristoro in loco. Le autorità ispezioneranno tutti gli eventi, se necessario, imporranno multe e chiuderanno luoghi in cui non si conformeranno. L’organizzatore dell’evento culturale o sportivo o il gestore del luogo deve assicurarsi che le misure di protezione siano rispettate e che siano previste le condizioni necessarie. Chi non segue le regole, non indossa la maschera, non mantiene la distanza di protezione, può mettere in pericolo non solo la propria vita, ma anche quella degli altri”, ha sottolineato il premier Viktor Orbán.

    Le istituzioni culturali come definite nella legge sulle istituzioni museali, i servizi di biblioteche pubbliche e l’istruzione pubblica possono essere visitate, ma i visitatori sono tenuti a mantenere una distanza di 1,5 metri l’uno dall’altro.

La situazione è brutta, gli ospedali sono sotto pressione

   Dopo la riunione di governo, dove è stata rivista la situazione epidemiologica in Ungheria e nel contesto europeo, Viktor Orbán ha spiegato che la diffusione dell’epidemia è accelerata, con una volta e mezza più persone per milione di abitanti in Austria che in Ungheria, e “anche peggio a ovest”.
    Ha detto che questo è importante perché, nella loro esperienza, l’Ungheria segue l’Austria con un ritardo di 5-7 giorni. Se ciò accadrà, entro la metà di dicembre, gli ospedali raggiungeranno i loro limiti di prestazione.

Gli anziani e le prestazioni degli ospedali vanno tutelati.

   L’epidemia è oggi, come in primavera, la più grande minaccia per la vita degli anziani e dei malati cronici, “cioè i nostri genitori e nonni sono in grave pericolo”. Il primo ministro ha detto che era tempo di prendere ulteriori misure per proteggere la vitalità degli ospedali e la vita degli anziani.

Lo straordinario ordinamento giuridico consente un’azione rapida.

   I dibattiti politici devono ora essere messi da parte, “avremo bisogno di un’azione rapida e di un’azione tempestiva”. Ha ricordato che il Parlamento aveva impiegato due settimane per adottare una legislazione che potesse sanzionare le violazioni delle regole di indossare una maschera. “È assurdo, è assolutamente assurdo in questa situazione”, ha detto. “Se il virus si diffonde velocemente, allora dobbiamo essere veloci anche noi”, ha commentato Orbán sulla reintroduzione dello straordinario ordinamento legale.

Grazie a medici e infermieri

    Il premier ha parlato anche di innalzamento degli stipendi dei medici, mettendo a disposizione degli ospedali i mezzi per proteggersi, terzi in Europa per letti ospedalieri e “leader mondiali” nei ventilatori. “I nostri medici e infermieri continuano a svolgere un lavoro di livello mondiale e fanno del loro meglio per curare i pazienti”, ha sottolineato.

Al fine di frenare la diffusione della comunità, continuiamo a evitare i luoghi in cui ci sono molte persone all’interno, preferibilmente mantenere le distanze sociali, lavarsi le mani spesso e accuratamente. 

Chiunque abbia ricevuto l’ordine di quarantena nazionale ufficiale per un soggiorno all’estero o per qualsiasi altro motivo deve attenersi rigorosamente. 

Chiunque abbia sintomi non dovrebbe recarsi in comunità ma restare a casa e avvisare telefonicamente il proprio medico di famiglia. Gli ospedali sono preparati per l’aumento del carico di lavoro e tutti i pazienti che necessitano di cure ospedaliere hanno accesso ai letti e alle cure ospedaliere. In questa fase della difesa, è particolarmente importante proteggere le prestazioni degli ospedali, quindi è importante il rigoroso rispetto delle misure di sicurezza.

L’Ungheria discute il vaccino su più fronti.

    Questo è molto, quasi sovrumano, ma non abbastanza. “La soluzione finale è il vaccino, ma il vaccino è già in vista. (…) Dobbiamo resistere fino all’arrivo del vaccino“, ha detto, indicando che l’Ungheria sta negoziando con UE, Russia, Cina e Israele.

Insieme ci riusciremo di nuovo

    Viktor Orbán ha chiuso la sua dichiarazione video con il fatto che la situazione è grave, ma ci è già riuscito una volta in primavera. “Se ci uniamo e seguiamo le regole, riusciremo di nuovo insieme”, ha dichiarato.

La Gazzetta ungherese sulle misure notificate è disponibile qui .

Fonte: koronavirus.gov.hu | atv | koronavirus.gov.hu 2

Link utili> Ingresso in Ungheria dell’Ambasciata italiana a Budapest

ARTICOLI RECENTI

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/