Leader aziendali e scienziati insieme per la ricerca e sviluppo

Il Consiglio Nazionale per la Politica Scientifica (in ungherese Nemzeti Tudománypolitikai Tanács – NTT), il nuovo organo che da gennaio si occuperá di sovrintendere alla spesa su ricerca, sviluppo e innovazione sarà composto da leader aziendali, funzionari governativi e scienziati, riferisce Magyar Nemzet.

Lettere del Primo Ministro Viktor Orban che chiedono alle persone di unirsi al nuovo organo ricevute dal giornale ungherese, mostrano che il NTT sarà copresieduto dal commissario europeo uscente per le risorse umane Gunther Oettinger, esponente dell’Unione cristiana democratica tedesca (CDU) ed ex presidente dello stato federale tedesco Baden-Württemberg, hub dell’industria automobilistica.

Il Consiglio Nazionale per la Politica Scientifica, creato dalla discussa legge approvata con 131 a favore, 53 contro e 3 astensioni nel luglio 2019 secondo quanto riferisce Index.hu, sarà presieduto dal Ministro ungherese per l’innovazione e la tecnologia László Palkovics. Gli altri nove membri del consiglio rappresenteranno, in parti uguali, lo stato, il settore delle imprese e il settore scientifico.

Fonte: Magyar Nemzet

Secondo quanto ha riportato ieri Index.hu sono stati invitati a partecipare:

Magyar Nemzet, nell’articolo pubblicato ieri, riporta che nella sua lettera, il Primo Ministro ha sottolineato che l’obiettivo principale del rinnovo del sistema ungherese di R&S e innovazione è quello di creare le condizioni per un funzionamento più efficiente e un’allocazione uniforme e basata sulle prestazioni, aumentando così la competitività dell’Ungheria.

Per la cronaca, László Palkovics ha anche sottolineato che l’Accademia (Magyar Tudományos AkadémiaMTA) non ha nulla da temere, perché la libertà e l’indipendenza della ricerca non solo diminuiranno, ma aumenteranno di conseguenza della riforma.

Anche l’espansione delle risorse in questo settore è una questione decisa: nel 2020, R & S & I possono generare oltre 32 miliardi di fiorini in più quest’anno (oltre 95 milioni di euro in più), un aumento del 25% rispetto alla spesa di quest’anno, il che significa che il sostegno pubblico dovrebbe superare i 160 miliardi di fiorini.

Fonte: bbj.hu | Index.hu | Magyar Nemzet

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/