In Ungheria, il Governo adotta una serie di misure per contrastare i forti aumenti dei prezzi dei materiali edilizi

In Ungheria, le imprese di costruzione possono segnalare le carenze di materiali che causano il ritardo dei loro progetti sul sito epito.emi.hu e il ministero andrà alla ricerca di possibili prodotti sostitutivi e fonti di fornitura, ha dichiarato il Segretario di stato Tamás Schanda del ministero dell’Innovazione e della Tecnologia, secondo l’agenzia di stampa nazionale MTI. Il nuovo sito web è stato lanciato pochi giorni fa dal ministero e dall’EMI Nonprofit per il controllo della qualità e l’innovazione nell’edilizia. La mossa fa parte di una serie di misure che il governo ha preso per affrontare i forti aumenti dei prezzi dei materiali da costruzione nell’ultimo periodo, ha affermato.

EKE: l’aumento del prezzo delle materie prime si riflette in costi più elevati

L’aumento dei prezzi della quota di materiali da costruzione, compresi i componenti importati, nel 2021 ha un effetto di ricaduta sull’esplosione dei prezzi delle materie prime e delle materie prime quotate sul mercato mondiale, tuttavia, non si vede una tale ragione per l’aumento delle spese di ristrutturazione edilizia.

Secondo l’associazione ungherese del commercio di materiali da costruzione, che riunisce circa due terzi del commercio nazionale di materiali da costruzione e diversi produttori di materiali da costruzione, le misure di restrizione delle esportazioni del governo possono fornire una soluzione all’aumento del prezzo dei materiali da costruzione.

L’associazione propone anche di estendere la possibilità di usare il sussidio per la ristrutturazione della casa, in modo che l’aumento della domanda non faccia aumentare i livelli di prezzo né per i materiali da costruzione né per le spese di costruzione.

Secondo i membri di ÉKE nei servizi di ristrutturazione forniti alla popolazione, i salari degli appaltatori sono aumentati molto di più
come per i grandi progetti, gli aumenti delle tariffe superano l’inflazione, o anche l’aumento dell’8,8% della quota minima delle spese generali.
Per esempio, nel caso dei rivestimenti a freddo, il salario netto era ancora intorno ai 3.500-4.000 HUF per metro quadrato nel 2019; 000 fiorini.

fonte: portfolio.hu
foto: portfolio.hu

Gianluca Bruno