MÁV: disinfetta i treni e rimborsa i biglietti internazionali

Disinfezione completa dei treni

Le ferrovie di stato ungheresi (MÁV) stanno introducendo la disinfezione completa delle ferrovie e della linea HÉV come parte della sua difesa contro l’epidemia di coronavirus, ha detto domenica il presidente e CEO della compagnia ferroviaria Róbert Homolya.

Homolya ha aggiunto che verrà effettuata una cosiddetta “disinfezione finale” sui raccordi, il che significa disinfezione contro batteri, virus e funghi, dopo di che tutti i patogeni verranno uccisi sui veicoli. Questo tipo di disinfezione è stato utilizzato per la prima volta su linee internazionali, ma con il loro numero in diminuzione a causa delle restrizioni di viaggio, è ora possibile disinfettare completamente i raccordi di servizio domestico, aggiunge novekedes.hu.

Rimborso dei biglietti internazionali

A causa della situazione del coronavirus e delle misure governative adottate, MÁV-Start, la divisione passeggeri delle ferrovie statali ungheresi (MÁV) rimborserà il costo dei biglietti internazionali e l’assicurazione locale che ha emesso fino all’11 aprile, senza alcun costo per l’acquirente.

I rimborsi per i biglietti acquistati di persona in contanti o con carta di credito per oltre 50.000 HUF possono essere rimborsati compilando un modulo di richiesta di rimborso.

MÁV avverte i viaggiatori che sono previste ulteriori restrizioni ferroviarie all’estero, il che potrebbe portare alla sospensione temporanea delle vendite internazionali di biglietti per determinate destinazioni, aggiunge origo.hu.

I primi treni a due piani in Ungheria sono stati messi in servizio

Il primo treno ungherese a due piani è partito dalla stazione ferroviaria di Nyugati questo fine settimana. Dal 15 marzo i treni viaggeranno sulla linea Budapest-Cegléd-Szolnok e da aprile sulla rotta Budapest-Vác-Szob.

Entro la fine del 2022, MÁV-Start, la divisione passeggeri delle ferrovie statali ungheresi, promette di lanciare un totale di 40 treni elettrici a due piani Stadler-KISS ad alta capacità con 600 posti, aggiunge hvg.hu.

MÁV-Start ha firmato un contratto con Stadler per un valore totale di 205,5 miliardi di fiorini, circa 600 milioni di euro. Gli altri 21 treni saranno spediti in due anni fino alla fine del 2022.

A quel punto, solo i moderni treni a motore – Flirtok, KISS e Desirok – porteranno i passeggeri nella periferia di Budapest. Correranno anche sulle linee Budapest-Győr-Hegyeshalom / Rajka, Budapest-Székesfehérvár e Budapest-Nagykáta-Szolnok ed aiuteranno anche con il traffico estivo tra la capitale e la sponda meridionale del lago Balaton.

Fonte: origo.hu | novekedes.hu | magyarnemzet | bbj.hu

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/