Eccesso di offerta nel mercato degli affitti, i prezzi stanno cambiando

Foto: GettyImages

L’offerta sul mercato ungherese degli affitti di case supera la domanda del 20-30%, ha dichiarato il broker immobiliare Duna House una settimana prima dell’annuncio delle soglie di punteggio per le ammissioni all’università.

Duna House afferma che i tassi di affitto hanno ristagnato negli ultimi mesi, ma l’iscrizione all’università per il semestre autunnale potrebbe ravvivare un po’ il mercato, anche se principalmente per appartamenti di migliore qualità.

I tassi mensili di affitto delle case a Budapest sono in media 150.000-165.000 HUF al momento, ma gli appartamenti più piccoli possono essere avuti per soli 120.000 HUF. Gli affitti a Debrecen (225 km a est di Budapest), la seconda città più grande dell’Ungheria, sono in media 115.000 HUF al mese, e sono intorno ai 110.000 HUF a Szeged (170 km a sud-est di Budapest), una città universitaria nel sud-est del paese.

In marzo e aprile, molti proprietari hanno offerto volontariamente agli inquilini di fiducia una diminuzione dell’affitto, perché temevano di perderli e di non trovare nuovi affittuari per sostituirli.

Il mercato è stato colpito anche dagli appartamenti di Airbnb, che sono rimasti senza turisti. Anche questo ha contribuito al calo dei prezzi, poiché molti inquilini hanno approfittato dell’opportunità di trasferirsi in un appartamento più economico ma meglio attrezzato.

Come riportato dall’OTP Residential Real Estate Value Map, l’anno scorso nel 7° distretto, il prezzo medio per metro quadrato era di 703.000 HUF, mentre era di circa 597.000 HUF e 662.000, rispettivamente nell’8° e 9° distretto.

Secondo gli esperti, questi prezzi mostrano un aumento di 231, 158 e 166%, rispettivamente, rispetto ai prezzi di sei anni prima. Tuttavia, anche il mercato immobiliare sta mostrando una flessione, e i potenziali acquirenti sono attualmente in attesa di un ulteriore calo dei prezzi degli immobili.

Károly Benedikt, responsabile delle PR e dell’analisi alla Duna House, afferma che vale la pena prestare attenzione non solo al materiale, ma anche ad altri aspetti importanti per gli inquilini e gli affittuari di appartamenti.

Ha aggiunto che l’affitto per l’appartamento scelto è solo una delle tante voci, bisogna anche essere informati su altre spese come il deposito di sicurezza, le bollette e i costi comuni.

È anche importante che le parti stipulino un contratto scritto, si accordino, tra le altre cose, sulla riparazione dei difetti di garanzia, e facciano una lista dei mobili e delle attrezzature nell’appartamento, e registrino le posizioni dell’orologio e il metodo di disdetta.

Quest’ultimo dovrebbe essere stabilito per almeno 60 giorni – soprattutto nel caso di un contratto d’affitto a tempo determinato – perché in questo modo l’inquilino non si troverà per strada dall’oggi al domani.

È più sicuro concludere il contratto davanti a un notaio, perché questo renderà l’accordo un documento pubblico e renderà più facile per entrambe le parti farlo rispettare.

FONTE: Napi.hu
FONTE FOTO: HungaryToday

ARTICOLI RECENTI

Alberto Scandolara