Il mercato degli affitti in Ungheria in ripresa prima della stagione estiva

Il mercato degli affitti sta cominciando a prendere piede. Gli affitti stanno aumentando su base mensile, ma sono ancora meno cari di un anno fa. Anche la domanda è salita a livelli record, spinta da affitti sempre più economici e da una ripartenza generale. Secondo l’indice degli affitti di maggio di KSH-ingatlan.com, gli affitti medi sono aumentati dell’1% a livello nazionale e dell’1,1% a Budapest rispetto ad aprile, ma erano ancora del 2 e del 3,8% sotto lo stesso periodo dell’anno scorso.

Mentre gli effetti dell’epidemia cominciano a recedere, continua la ripresa del mercato degli affitti, che ora volge lo sguardo alla stagione estiva, periodo in cui molti studenti cercano un posto dove vivere per l’inizio della scuola a settembre.

Rallentamento a Maggio

Il mercato nazionale degli affitti ha chiuso maggio con un aumento dei prezzi, secondo l’indice degli affitti di KSHingatlan.com. In un mese, gli affitti medi nazionali sono aumentati dell’1%, un rallentamento da aprile, quando erano dell’1,3% più alti di un mese prima. A Budapest, anche il ritmo degli aumenti dei prezzi è rallentato, con affitti medi dell’1,1% più alti a maggio rispetto ad aprile, rispetto a un aumento dell’1,3% del mese precedente.

“Su base annua, l’indice degli affitti è ancora in negativo a livello nazionale al 2%, principalmente a causa del calo degli affitti nella capitale. Rispetto al livello medio di affitto di 150.000 huf a Budapest alla fine di giugno dell’anno scorso, il prezzo medio di affitto nella capitale è ora di 140.000 huf, che è il 9% più basso di un anno fa”, ha detto László Balogh, capo economista di ingatlan.com.

Prima della stagione estiva, studenti in una posizione eccezionale

Secondo i dati di ingatlan.com, un record di cinque anni è stato stabilito tra gennaio e metà giugno per le richieste di case in affitto, il più alto livello di domanda dal 2016. Nel frattempo, anche l’offerta è vicina al suo picco. “In un periodo libero dall’epidemia, l’offerta non è mai stata così ampia nel mese di giugno. È vero, l’anno scorso c’erano più appartamenti da scegliere rispetto ad ora, ma poi il covid ha distorto il quadro generale. Da un lato, molti appartamenti per affitti a breve termine, precedentemente destinati ai turisti, sono entrati sul mercato, e dall’altro lato, la domanda degli studenti è stata più contenuta a causa dell’istruzione online e ibrida”, dice Balogh. L’esperto ha anche detto che gli studenti e coloro che sono interessati ad affittare appartamenti saranno in una posizione eccezionale in questa stagione a causa dell’alta offerta.

Gli studenti che cercano appartamenti in affitto a Budapest sono anche aiutati dal fatto che, a differenza degli anni precedenti l’epidemia, gli effetti delle offerte delle proprietà Airbnb non si fanno ancora sentire nel mercato della capitale, dato che i turisti stranieri non sono ancora tornati. “Il numero di appartamenti airbnb nella capitale è sceso a 6.000, il 70 per cento al di sotto del picco di 16.000, e i 10.000 appartamenti che sono “scomparsi” sono “andati dall’altra parte”, cioè l’offerta di appartamenti in affitto a lungo termine, tipicamente agli studenti.

Fasce di prezzo con distretti e città

L’affitto medio nel mercato dell’offerta di Budapest alla fine di giugno era di 140.000 huf. I quartieri più economici erano X, XX, XXI e XXIII, con affitti mensili di 120.000 huf ciascuno. All’altro estremo, i distretti II e V avevano affitti medi di 180.000 huf.

Guardando al mercato al di fuori di Budapest, le città universitarie di Debrecen, Győr e Szeged offrono tutte proprietà in affitto a 110.000 huf, mentre a Pécs il prezzo era di 100.000 huf.

FONTE: profitline.hu
foto: profitline.hu

ARTICOLI RECENTI

Gianluca Bruno