Quali misure sono state messe in campo a supporto delle aziende del turismo in Ungheria? Risponde Könnyid László,Vice Direttore Generale dell’Agenzia Nazionale del Turismo Ungherese

Ad un anno dall’inizio della situazione pandemica, abbiamo deciso di pubblicare la nostra intervista al Vice Direttore Generale dell’Agenzia Nazionale del Turismo Ungherese,  Könnyid László, che abbiamo avuto il piacere di intervistare in merito al supporto dell’agenzia governativa alle aziende operanti nel settore turistico ungherese. Pubblichiamo le risposte integrali divise in 4 articoli. In questo primo articolo ci soffermiamo sull’impatto del Covid-19 e le misure a supporto agli attori del settore turistico, nel secondo concentreremo l’attenzione sulla cittá di Budapest, nel successivo dei piani per rilanciare il turismo straniero in Ungheria ed infine concluderemo la nostra serie con un focus sul turismo italiano.

Ringraziamo il Vice Direttore ed il team dell’Agenzia Nazionale del Turismo Ungherese per le risposte approfondite alle nostre domande e per averci concesso l’uso delle immagini collegate agli articoli.

Alla luce degli impatti del Covid-19, come pensate di supportare le aziende e le persone impiegate nel settore?

Quando è scoppiata l’epidemia, l’Agenzia Nazionale del Turismo Ungherese ha Immediatamente sviluppato un pacchetto di proposte in consultazione con le organizzazioni professionali, che includeva le misure necessarie per mantenere in vita le imprese.

I primi passi erano volti a mantenere in vita le imprese, a superare le difficoltà finanziarie e a mantenere i posti di lavoro.

Le misure includevano l’abolizione dei contributi dei datori di lavoro entro il 30 giugno 2020 e una significativa riduzione dei contributi dei dipendenti. Come ulteriore misura, non è stato possibile risolvere i contratti di locazione o aumentare gli affitti.

Fino alla fine dell’anno 2020, il governo ha sospeso l’obbligo di pagare capitale e interessi su tutti i prestiti per privati ​​e imprese fino alla data di notifica, e ha introdotto e reso economicamente disponibile l’opzione “Kurzarbeit” a un’ampia gamma di fornitori di servizi turistici. Inoltre, le aziende possono richiedere un prestito di mantenimento del lavoro di 2 anni, con un tasso di interesse di solo lo 0,1%, per uno stipendio di 9 mesi. Fino al 31 dicembre 2020 non sarà dovuta alcuna tassa di soggiorno.

Nell’ambito del piano d’azione per la protezione economica, il governo ha ulteriormente rafforzato la carta SZÉP, che è il motore del turismo interno: dimezzando prima la pressione fiscale fino al 31 dicembre 2020 e poi estendendola fino al 30 giugno 2021, raddoppiando l’importo che può essere integrato dal datore di lavoro.

Oltre a tutte queste misure, il programma Széchenyi Card è stato ampliato a settembre con un nuovo schema di prestiti, disponibile solo per le micro, piccole e medie imprese che operano nel settore del turismo. Con l’aiuto della Széchenyi Tourist Card, le aziende ottengono un prestito gratuito a tassi di interesse zero. Il prestito può essere richiesto a condizioni estremamente vantaggiose, ed è liberamente utilizzabile, fino a 250 milioni di fiorini, utilizzabili anche per l’affitto o per i costi di esercizio. I fondi disponibili nell’ambito del programma contengono 100 miliardi di HUF, con periodi di rimborso di 1, 2 o 3 anni.

Guidata dal ministro delle finanze, l’Agenzia sta attualmente lavorando nell’unità operativa per la protezione economica (Operatív Törzs) per ridurre anche gli oneri amministrativi invece di ridurre solo gli oneri fiscali.

Anche all’inizio della seconda ondata di epidemia di coronavirus, il governo ha preso provvedimenti immediati per aiutare il settore turistico. Come parte di questo, ha introdotto sconti fiscali e contributivi e ha reso disponibile un sussidio salariale del 50%. Gli sconti fiscali e contributivi e le sovvenzioni salariali coprono anche i fornitori di servizi per il tempo libero e l’intrattenimento. La condizione per ricevere i sussidi è che i dipendenti non siano licenziati e che ricevano la loro paga. Tali misure sono state prorogate dal Governo fino alla fine di gennaio 2021 (ndt. poi prorogato fino a marzo 2021) e le misure sono state estese anche alle compagnie di viaggio. Inoltre, secondo una nuova disposizione, i tour operator devono pagare l’assicurazione sulla proprietà solo dopo il 50% del fatturato chiuso nel 2019. Questo è un enorme aiuto per le agenzie di viaggio più piccole per sopravvivere. Il governo ha anche deciso che le misure possono essere prorogate se avviate da attori del settore.

Poiché gli alloggi non possono accettare turisti che viaggiano per vacanza, lo stato si farà carico dell’80% della perdita di entrate dopo le prenotazioni per l’alloggio registrato presso il Centro nazionale di informazione turistica (fino all’8 novembre) per il periodo dall’11 novembre e 10 dicembre. L’esborso sarà effettuato entro il 31 dicembre. Secondo i dati NTAK sono state registrate quasi 1 milione (928mila) di pernottamenti, quindi il provvedimento interessa oltre 11mila aziende.

L’IVA sulle consegne del cibo è stata ridotta dal 27% al 5% per il periodo di chiusura dei ristoranti. Spetta a ciascuna azienda decidere se ridurre i propri prezzi o spendere l’importo rimanente in salari e operazioni.

Il sostegno del governo ungherese al turismo è ammontato finora a circa 700 miliardi di HUF in totale (oltre 2 miliardi di euro), valore eccezionale anche nel confronto internazionale. L’Agenzia Nazionale del Turismo Ungherese ha anche aiutato il settore del turismo con gare e campagne di sviluppo.

Fonte: ©Agenzia Nazionale del Turismo Ungherese

2. Secondo KSH, l’industria ha perso il 51% del fatturato lordo tra gennaio e agosto di quest’anno, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Come pensa il suo ufficio, considerando il contributo del governo, di gestire l’impatto economico sofferto da queste aziende e dipendenti?

Da marzo 2020, l’Agenzia per il turismo ungherese e il governo lavorano per riportare il turismo sulla via della crescita. Si sono svolte consultazioni in corso con le organizzazioni professionali sulle possibili soluzioni, i cui risultati sono stati le misure appena elencate. Tutto ciò dimostra che sono stati compiuti alcuni passi a vantaggio del settore e delle imprese che vi lavorano.

Anche il governo ungherese ha contribuito alla ripresa dalla crisi, proseguendo gli sviluppi, fornendo 150 miliardi di HUF nell’ambito del programma Kisfaludy per l’attuazione dell’ultima fase del programma, finalizzata al completo rinnovamento delle strutture ricettive in Ungheria.

In questo contesto, l’Agenzia fornirà 85 miliardi di HUF a sostegno della costruzione e del rinnovo di hotel con più di 100 camere nell’Ungheria rurale. Come risultato della costruzione e dello sviluppo di 35 hotel, saranno create 1.500 nuove camere e saranno rinnovate 4.200 camere. Inoltre, il programma ha sostenuto la ristrutturazione di 4 hotel a cinque stelle in campagna. Oltre alla fonte di 85 miliardi di HUF, gli imprenditori forniscono altri 85 miliardi di HUF per l’attuazione di progetti di sviluppo, contribuendo così allo sviluppo del turismo nazionale per un totale di 170 miliardi di HUF.

A maggio 2020 è stato anche pubblicato un bando per lo sviluppo di alloggi privati ​​e altri alloggi. È stata annunciata una gara con un budget di 60 miliardi di HUF, da cui i fornitori di alloggi dell’Ungheria rurale hanno ricevuto una sovvenzione di 1 milione di HUF per camera. Quasi 14.000 domande hanno ricevuto un finanziamento di 45 miliardi di HUF nell’ambito del quadro e l’importo assegnato è stato pagato ai vincitori entro la fine dell’estate.

A dicembre 2019 è stato pubblicato un bando per lo sviluppo delle spiagge con un budget di 700 milioni di HUF. Sono state ricevute 6 richieste di sviluppo e, sulla base delle proposte di valutatori professionisti, è stata presa una decisione positiva per tutte le domande di sovvenzione, per un totale di 441 milioni di HUF.

Nelle prime tre fasi del programma di sviluppo delle spiagge, 114 spiagge in 63 insediamenti in Ungheria sono state rinnovate per oltre 9,3 miliardi di HUF. Grazie alla terza fase nel 2020, 90 spiagge hanno ricevuto un totale di 3,06 miliardi di HUF in sostegno al lago Balaton, all’ansa del Danubio, al Tibisco, al lago Tisza e al lago di Velence. Ad agosto, l’Agenzia ha anche annunciato la quarta fase del programma con un budget di 3 miliardi di HUF per rinnovare entro il 2030 le spiagge ungheresi in acque libere sul lago Balaton, lungo il Danubio, il fiume Tibisco, il lago Tibisco e il lago di Venezia. La quarta fase prevede che gli sviluppi possano essere implementati su più di 80 spiagge entro l’estate del 2021, con una media di 30 milioni di HUF a sostegno in alcuni luoghi. Nell’ambito del programma, il governo ha finora fornito un totale di quasi 13 miliardi di HUF in fondi nazionali non rimborsabili per lo sviluppo di qualità delle spiagge all’aperto in Ungheria.

Nel luglio 2020 è stata lanciata una gara d’appalto, come fase successiva nel processo di rinnovamento della rete Tourinform. Con l’aiuto del programma, 22 uffici Tourinform possono essere rinnovati con un finanziamento del 100%, fornito dalAgenzia Nazionale del Turismo Ungherese, in conformità con la nuova immagine del design degli interni, da un budget totale di 450 milioni di HUF.

Gli uffici di Tourinform in Ungheria. fonte: https://csodasmagyarorszag.hu/tourinform
Gli uffici di Tourinform in Ungheria. fonte: https://csodasmagyarorszag.hu/tourinform

L’obiettivo principale dell’Agenzia è aumentare il traffico interno durante l’emergenza coronavirus.

Pertanto, le offerte di programmi speciali per le guide turistiche rurali svolgeranno un ruolo importante. L’Agenzia fa del suo meglio per mantenere i professionisti sul campo, motivo per cui ha annunciato un appalto: 129 domande hanno ricevuto un totale di 101.780.000 HUF.

Seguendo e coordinando le attività dell’Agenzia, il governo ungherese sostiene i musicisti gitani con 800 milioni di HUF, gli organizzatori di festival ricevono 700 milioni di HUF per mantenere vivi i festival di musica leggera e i musicisti folk ricevono altri 200 milioni di HUF.

È nell’interesse di tutti noi che il maggior numero possibile di fornitori di servizi continui ad operare e che le strutture ricettive continuino ad essere attori competitivi nel rilancio del turismo in futuro. Come risultato delle misure attuali, migliaia di aziende turistiche riceveranno miliardi di fiorini a sostegno, il che aiuterà a preservare i posti di lavoro e mantenere i professionisti che lavorano sul campo.

PRECEDENTI ARTICOLI SUL SETTORE TURISTICO UNGHERESE

  1. Il settore turistico ha registrato un calo del 59% a settembre 2020
  2. Mtu firma un accordo di partenariato per promuovere il turismo
  3. Il turismo incoming a budapest
  4. 3000 passeggeri al giorno all’aeroporto di Budapest
  5. Le aziende del settore HO.RE.CA. devono focalizzarsi sul turismo interno
  6. Con la pandemia aumenta la richiesta di case vacanze
  7. Turismo in Ungheria: i dati ufficiali di luglio 2020
  8. Turismo in Ungheria: località predilette e costi delle vacanze al lago
  9. Turismo in Ungheria: previsto il riavvio estivo locale e con nuove tendenze


Mate Foldi

Laureato in BSc Economics and Politics indirizzo International Study presso l'Università di Exeter. Interessato a perseguire una carriera in analisi e politiche estere, scrive per Econonomia.hu di economia e relazioni internazionali tra Ungheria e Cina.