MNB formula 50 raccomandazioni per supportare la crescita sostenibile

La Banca nazionale d’Ungheria (MNB) sta formulando 50 raccomandazioni a sostegno degli sforzi del governo per dare forma a politiche che promuovono la crescita sostenibile, ha detto il vice governatore Barnabás Virág al telegiornale MTI, riporta il Budapest Business Journal.

MNB HA PUBBLICATO le raccomandazioni in dettaglio a questo link (in ungherese)

Tasso di crescita annuo del PIL
(90+) Rapporto sui prestiti in sofferenza
Riduzione di valore degli enti creditizi
Rendimento del capitale proprio degli enti creditizi
FONTE: PAGINA 10, MNB

Virág ha affermato che l’Ungheria ha bisogno di un piano di crescita che possa garantire il recupero automatico dei più importanti saldi interni ed esterni dal 2022, oltre a rafforzare la crescita economica.

Ha affermato che per accelerare il motore dell’economia servono:

  • una ripresa degli investimenti governativi,
  • il rafforzamento dei programmi statali per la costruzione di case,
  • misure di sostegno agli investimenti e
  • riduzioni fiscali mirate.

“Abbiamo tutte le possibilità per una difesa di successo. Ma per ottenere una ripresa dinamica, la politica economica ungherese deve trovare gli equilibri adeguati in almeno nove aree”, ha aggiunto.

Variazione dei consumi delle famiglie nel primo semestre 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Fonte: https://www.mnb.hu/letoltes/nagy-tamas-virag-barnabas-hitelmoratorium-meghosszabbitasa.pdf

Ha sottolineato che gli impatti ritardati della prima ondata di pandemia su aree dell’economia come il mercato del lavoro e il sistema bancario devono essere gestiti contemporaneamente alle conseguenze della seconda ondata.

Virág ha detto che è improbabile che si ripeta un arresto dell’economia come nel blocco in primavera, aggiungendo che le rivalutazioni delle aziende dei loro piani aziendali sono la ragione della lenta ripresa.

“Molte aziende hanno esaurito le loro riserve durante la prima ondata e ora potrebbero essere costrette ad adattarsi in misura ancora maggiore”, ha aggiunto.

Ha osservato che i cambiamenti nella composizione delle economie si verificano sempre dopo le recessioni: l’importanza dei settori di successo può diminuire, mentre il contributo di altri settori cresce.

“Dobbiamo essere preparati, anche nel corso della difesa contro la pandemia, a fare in modo che la ristrutturazione necessaria per un avvio competitivo dell’economia avvenga in modo rapido ed efficiente parallelamente ai cambiamenti settoriali appropriati che interessano il lavoro, il capitale e la tecnologia”, ha affermato.

“Non possiamo cadere nella trappola della compagnia di zombi”, ha avvertito.

Virág ha detto che è proprio la portata delle riforme economiche attuate in Ungheria nell’ultimo decennio che crea la possibilità di un intervento fiducioso in situazioni straordinarie come quella attuale.

L’importanza delle misure coordinate

“Per gestire con successo la pandemia, saranno necessarie misure coordinate nei settori della politica fiscale, della politica monetaria e della politica strutturale che migliora la competitività”, ha aggiunto.

Ha sostenuto che l’attesa per un vaccino COVID-19 ha reso gli attori economici cauti: le aziende stanno rimandando gli investimenti, mentre le famiglie stanno risparmiando invece di consumare.

Ecco perché è importante, ha detto, che lo Stato colmi il divario creato dal temporaneo declino della domanda interna nella misura più ampia possibile.

“Il futuro dell’Ungheria risiede nella digitalizzazione e sostenibilità”

Ha detto che occorre prestare particolare attenzione alla digitalizzazione e alla sostenibilità quando si stabiliscono programmi di investimento, poiché “è qui che risiede anche il futuro dell’Ungheria”.

Virág ha detto che l’accento deve essere posto sulla protezione del posto di lavoro fino alla fine della seconda ondata. Potrebbe essere necessario espandere il sostegno salariale, già utilizzato con successo nella prima ondata, mentre varrebbe la pena iniziare un aumento mirato delle preferenze fiscali che fanno parte del piano di protezione del lavoro, ha aggiunto. 

Oltre a rafforzare le politiche attive del mercato del lavoro, ha affermato che i livelli di abilità della forza lavoro devono essere migliorati in modo che i lavoratori possano essere collocati in imprese più competitive nel corso della ripresa economica.

“Nei prossimi anni, il funzionamento prociclico del sistema bancario potrebbe essere nuovamente rafforzato”, ha affermato.

Sebbene l’estensione della moratoria sui rimborsi dei prestiti per i mutuatari vulnerabili rappresenti una soluzione temporanea, è necessario fare i preparativi per aumentare lo stock di prestiti in sofferenza del settore bancario nonché i crediti scaduti al di fuori del sistema bancario, ha aggiunto.

Ha osservato che il funzionamento stabile del mercato dei prestiti rimane un obiettivo chiave dei programmi delle banche centrali, aggiungendo che l’istituto del garante potrebbe essere utilizzato meglio.

ARTICOLI RECENTI


Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/