Orbán fa marcia indietro sulla Internet Tax

Così com’era stata proposta la tassa su Internet, la prima al mondo in questa forma, non può essere introdotta. Lo ha detto Viktor Orbán durante il consueto intervento radiofonico del venerdì, particolarmente atteso questa settimana proprio per il cocente dibattito intorno al balzello sul web. 

Questa legge non s’ha da fare, dunque? Il messaggio del primo ministro ungherese è diverso: se ne riparlerà a gennaio 2015, aprendo un tavolo di discussione “con le persone”. “Non siamo comunisti, occorre fare le leggi insieme alla gente” ha detto. Un primo passo indietro, un tetto massimo mensile di 700 fiorini per i privati e di 5mila per le aziende, era stato annunciato in seguito alle due proteste che hanno portato in tutto in strada circa 100mila persone. Adesso, con la minaccia di una nuova manifestazione (17 novembre, a meno di ritiro della proposta) e con le contestazioni degli investitori stranieri, contrari alla misura fiscale, il governo Fidesz sembra per una volta costretto a tirare i remi in barca. Per il momento.

Claudia Leporatti 

Redazione Economia.hu

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/