Perché studiare a Budapest o in Ungheria

Budapest è una meta molto popolare per migliaia di studenti Erasmus o per coloro che, da tutto il mondo, volessero partecipare ad uno scambio estivo, in una delle università della capitale. Studiare a Budapest è un’esperienza promettente, per numerosi motivi che state per scoprire… [Traduzione e riadattamento di Economia.hu su gentile concessione di WeLoveBudapest] 

1. L’IMBARAZZO…DELLA SCELTA! 

Prima di tutto per le diverse tipologie di Università e per i diversi corsi offerti da queste, infatti Budapest ha molte università di qualità tra cui scegliere, a seconda dell’indirizzo di studio a cui si è interessati e inoltre molte di questi sono riconosciute nell’Unione europea e altrove. Medicina, odontoiatria, scienze farmaceutiche, veterinaria e ingegneria sono tra i settori più scelti dagli studenti stranieri che arrivano qui per studio, seguiti da marketing, business e arti creative. Le università più popolari di Budapest per gli stranieri sono: Eötvös Loránd University (ELTE), Central European University (CEU), Budapest University of Technology and Economics (BME), Corvinus University of Budapest, Semmelweis University e l’Università di Scienze Applicate (BKF) . Per coloro che eccellono in aree come le arti dello spettacolo e del design c’è l’Accademia Liszt, l’Università di Belle Arti Ungherese, l’Università Moholy-Nagy di Arte e Design e l’Università di Teatro e Film Arts.

Molte università offrono anche corsi in lingua inglese (e talvolta anche di altre lingue come l’ungherese o il tedesco), appositamente per gli stranieri, con diversi percorsi disponibili.

2. TROVA LA TUA STRADA! 

Oltre ai programmi di scambio tipici o programmi ERASMUS, è possibile studiare nella capitale ungherese anche attraverso  programmi di nicchia come:

– Il CEEPUS (Centro europeo di programmi di scambio per studi universitari);

– Ciência sem fronteiras (“Conoscenza senza Frontiere”, dedicato agli studenti provenienti dal Brasile);

– CEMS (the Global Alliance in Management Education) per le scuole di business leader a livello mondiale;

– PIM (Partnership in Management Internazionale) un consorzio di scuole di business.

3. PERIODO BREVE? 

In alcune università è anche possibile optare per uno o più corsi singoli, al di fuori del programma di laurea o partecipare ad alcuni corsi universitari estivi.

Le scuole offrono spesso borse di studio ad alcuni dei loro studenti stranieri o a coloro che eccellono nel percorso accademico e garantiscono un sistema di assistenza e orientamento per gli studenti stranieri che arrivano a Budapest per studio, in grande di rispondere a qualsiasi tipo di domanda.

4. POCHI SOLDI IN TASCA? 

L’Ungheria ha un costo della vita ancora abbastanza basso rispetto a molte città italiane (tra cui centri universitari come Milano e Roma), che la rende una destinazione possibile per gli studenti con un budget ristretto. Con un po’ di attenzione 600 euro al mese possono bastare, includendo l’affitto.

5. A TUTTA…VITA/BIRRA! 

Budapest è nota anche per la sua grande vita studentesca. Durante il giorno gli studenti riempiono biblioteche, caffè e ristoranti, nel pomeriggio si rilassano con una birra, e di notte animano la città nei vari bar, discoteche, pub “rovina” (“romkocsmák” in ungherese) o locali con musica live. Sembra quasi impossibile sentirsi soli a Budapest ed è molto facile farsi nuovi amici, soprattutto in luoghi popolari come il Szimpla Kert o il Fogas Ház. Nei giorni più caldi troverete un sacco di giovani che si rilassano al sole o che organizzano un pic-nic sull’Isola Margherita o nel Parco municipale.

6. CONDI-VIVERE

È molto facile da trovare una sistemazione a Budapest, anche nelle zone più centrali o vicino a fermate metro e tram, o meglio ancora nei pressi della propria Università. A seconda del vostro budget, è possibile condividere una camera o l’appartamento con altri studenti o addirittura affittare un intero appartamento. Anche in questo caso, alcune università offrono un sistema chiamato “buddy system”, per aiutare gli studenti a trovare coinquilini.

7. SÌ VIAGGIARE!  

C’è molto da vedere in tutta la regione, quindi se avete un week-end a disposizione per staccare dalla frenesia della città, l’Ungheria offre opzioni illimitate. È possibile partecipare ad una festa popolare in qualche piccolo paesino o organizzare una gita estiva al lago Balaton. Altrimenti, se non si vuole lasciare Budapest, è comunque possibile rilassarsi nella natura, avventurandosi tra i sentieri nelle colline di Buda.

Budapest è anche collegata benissimo con il resto dell’Europa centrale e orientale; ci sono collegamenti ferroviari diretti verso molti paesi limitrofi e vicini come l’Austria, Slovacchia, Polonia, Serbia, Repubblica Ceca, Croazia, Slovenia e Romania.

PER FARLA BREVE…

Budapest è abbastanza piccola da potersi sentire in un luogo familiare, in breve tempo, ma è abbastanza grande per poter offrire sempre nuove esperienze e opportunità di apprendimento. Tra le migliori 10 cose da visitare a Budapest, è possibile indicare il Castello di Buda, il Parlamento ungherese, la Basilica di Santo Stefano, Piazza degli Eroi, le famose terme e le strade tortuose del quartiere ebraico. Per chi fosse interessato, anche la vita culturale della città è abbastanza fiorente con l’Opera, spettacoli teatrali, festival, mercati artigianali, eventi tradizionali e cerimonie per feste nazionali che si svolgono regolarmente. La storia della città è notevole e visibile ogni giorno in città, dai palazzi medievali a quelli barocchi, ancora con segni visibili della rivoluzione del 1956 e della seconda guerra mondiale.

Per tutti questi motivi e per molto altro, vale la pena di vivere un’esperienza che sicuramente non dimenticherete mai nella vita e di poter dire “Ho studiato a Budapest”.

Traduzione a cura di Cinzia Curci e Claudia Leporatti

Link all’originale: http://welovebudapest.com/budapest.and.hungary/9.reasons.to.study.abroad.in.budapest 

Redazione Economia.hu 

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/