Fine del programma di sostenibilità finanziato dall’UE a Szeged

Il programma quadriennale finanziato dall’UE che promuove la mobilità urbana sostenibile a Szeged (175 km a sud-est da Budapest) terminerà alla fine dell’anno, ha detto il vicesindaco Sándor Nagy.

Il comune, insieme a 11 grandi imprenditori della città, ha lanciato il progetto SASMob, per il quale ha ricevuto il sostegno diretto dell’UE di 3 milioni di euro (1,08 miliardi di HUF).

Come parte del progetto, sono stati sviluppati e installati sensori di traffico e di viaggiatori nella città, così come nei veicoli e nelle fermate del trasporto pubblico.

Sono stati costruiti spazi per biciclette presso istituzioni e imprese, installati distributori automatici di biglietti e istituite fermate dell’autobus.

È stata sviluppata anche la bicicletta di ricarica, creata trasformando una tradizionale cyclette. Il dispositivo può caricare due telefoni, tablet o computer portatili contemporaneamente.

Le biciclette sono state dotate di un generatore a cui è stato collegato un circuito di controllo della carica, e il sistema è stato messo a punto in modo che i dispositivi adatti possano essere caricati in massimo mezz’ora.

Un modulo Wi-Fi è anche collegato al dispositivo, mentre la velocità attuale, la distanza percorsa e l’energia prodotta possono essere tracciate sul dispositivo intelligente mentre si gira.

Le due biciclette di ricarica sono state collocate nell’Attila József Study and Information Center della SZTE, dove chiunque può usarle.

Fonte: profitline.hu

ARTICOLI RECENTI

Rita Virgillito