Quanto durerà la crescita del settore immobiliare ungherese?

Il mercato immobiliare ungherese sta vivendo un momento di forte crescita. I dati riguardanti il mese di maggio 2017 raccolti dalla banca nazionale ungherese (MNB), parlano chiaro.

Le banche ungheresi hanno concesso 59,2 miliardi di HUF per mutui sulla casa, il 38,9% in più rispetto allo stesso mese di maggio nel 2016, e il 36,2% in più rispetto al mese di aprile 2017. Se si considerano complessivamente i primi cinque mesi dell’anno in confronto allo stesso periodo dell’anno precedente si può notare come questo trend di crescita non ha riguardato solamente il mese di maggio. Infatti nel confronto tra i primi cinque mesi dell’anno 2017 rispetto al 2016 si riscontra una crescita nei mutui sulla casa del 35%. I mutui a maggio sono stati concessi con un tasso medio del 5,05%, leggermente superiore rispetto al 5,04 di aprile, e nettamente inferiore rispetto al 5,69% registrato a maggio 2016.
Ma la domanda principale da porsi è: quanto durerà effettivamente questo periodo di crescita?
Dalle analisi condotte dal Portfolio.hu, il mercato delle costruzioni, dopo aver subito una diminuzione del 18% lo scorso anno, quest’anno dovrebbe crescere del 18%. Ma la crescita, ritiene il portale, dovrebbe perdurare per un breve periodo di tempo. Infatti dalle loro previsioni si parla di un picco di crescita del 20% nel 2019, al quale poi seguirà una diminuzione del 10% nel 2020. Il mercato delle costruzioni è infatti fortemente influenzato da tre fattori: i progetti di costruzioni ad uso residenziale, che dovrebbero aumentare in volume del 55% entro la fine dell’anno, le politiche economiche del governo e fondi stanziati dall’UE.
Interessante è anche un’analisi portata avanti da Ingatlan.hu riguardante i prezzi delle case. I prezzi medi alla fine di giugno erano di 223.000 HUF per metro quadro, un incremento dell’8,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Ma se si considera la crescita dell’anno precedente rispetto a due anni fa si può riscontrare una crescita del 18%. Da ciò si può assumere che i prezzi si stiano lentamente stabilizzando. László Balogh, il principale economista di Ingatlan.hu, ha inoltre notato come la domanda si stia spostando verso case più economiche, con i dati che mostrano una diminuzione del 14% nell’offerta di appartamenti all’interno di palazzi moderni e un corrispondente aumento nell’offerta di case a mattoni. Inoltre ha rilevato come i prezzi delle case in Budapest siano cresciuti oltre la media, raggiungendo il 17% di crescita e un valore medio di 473.000 HUF per metro quadro, più del doppio della media nazionale. Infine, nelle restanti grandi città ungheresi i prezzi sono aumentati del 12,5%, raggiungendo una media di 234.000 fiorini per metro quadro.
Queste previsioni non sorprendono ITL Real Estate, che già nell’Osservatorio Immobiliare Ungheria del primo trimestre 2017 aveva svolto un’analisi sui fattori influenzanti il mercato immobiliare ungherese, notando come quest’ultimo e dunque i dati da esso proveniente, siano fortemente condizionati da una serie di politiche nazionali volte a dare una svolta all’economia ungherese.

Vittorio Cara

Redazione Economia.hu

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/