Restrizioni confermate fino al 1 marzo. Quali sono e perché restano in vigore

“Le regole attuali rimarranno in vigore fino al 1 marzo” é senza dubbio la notizia piú attesa dell’incontro di oggi, dove la portavoce del governo Alexandra Szentkirályi e Gergely Gulyás, capo dell’ufficio del primo ministro, informeranno sulle decisioni del governo.

L’onere per l’assistenza sanitaria è notevolmente inferiore a due o tre mesi fa, ha detto il capo dell’Ufficio del Primo Ministro Gulyas, aggiungendo che “le misure entrate in vigore a novembre sono riuscite a controllare la diffusione dell’epidemia. Le regole europee sono in molti casi più rigide di quelle ungheresi. Vogliamo evitare la terza ondata, ma è per questo che le regole attuali devono essere mantenute. Ecco perché il governo ha chiesto al Parlamento di prolungare lo stato di emergenza per altri 90 giorni.”

La pletora di dichiarazioni del governo e degli esperti negli ultimi giorni potrebbe indicare che, poiché la vaccinazione di massa – o l’immunità del gregge – è la chiave per sconfiggere definitivamente il virus, le restrizioni resteranno in vigore fino ad allora.

Ad oggi 28 gennaio 2021, 161.215 PERSONE SONO STATE VACCINATE, DI CUI 26.293 HANNO GIÀ RICEVUTO LA LORO SECONDA VACCINAZIONE e più di 1,7 milioni di persone si sono già registrate per la vaccinazione sul sito web www.vakcinainfo.gov.hu, riporta Origo.hu.

A fine articolo riportiamo le misure restrittive indicate dal sito koronavirus.hu.

Tra le altre notizie dell’incontro, riportate da Origo:

I negozi delle cittadine riceveranno 45 miliardi

I negozi riceveranno 45 miliardi di fiorini secondo l’ultima decisione del governo, ha detto Gulyás. Ciò era necessario per rendere disponibili i servizi pubblici nei centri urbani piú piccoli. Lo scopo del supporto è creare spazi comunitari in cui è possibile accedere a più servizi. Il sistema di gare d’appalto è annunciato nell’ambito del Magyar Falu Program.

Il processo di autorizzazione è stato semplificato

Entro la fine di febbraio, se il contratto verrà rispettato, potrebbero arrivare abbastanza vaccini russi per 300.000 persone. Il prodotto di Sinopharm è anche affidabile, poiché 15 milioni di persone sono già state vaccinate. Il governo ha deciso di autorizzare temporaneamente qualsiasi vaccino che abbia già vaccinato un milione di persone. L’NNK controllerà il vaccino prima dell’uso.

LE MISURE RESTRITTIVE ATTUALI

RESTA il coprifuoco tra le 20:00 e le 5:00. Uno dei casi di esenzione dal coprifuoco è il lavoro, che però deve essere giustificato.

Regole relative alla lontananza e all’uso della mascherina implementate fino ad oggi continueranno ad applicarsi, ad eccezione del 10.000 dipendenti in alcune aree pubbliche di un insediamento più grande, è obbligatorio indossare una mascherina. È responsabilità del sindaco designare le aree. 

Non è ancora obbligatorio indossare la mascherina durante le attività sportive o nei parchi o aree verdi.

Eventi privati ​​e familiari  (es. Compleanni) possono essere organizzati per un massimo di 10 persone, escluse quelle sotto i 14 anni di età. 

La  tutela della anziani e malati cronici rimane di primaria importanza. Le persone anziane sono inoltre chiamate a prestare molta attenzione a se stesse e alle precauzioni generali. Si prega di notare che agli ospedali e alle case di cura è ancora vietata la visita . 

In  aggiunta agli operatori sanitari, assistenti sociali coinvolti nella difesa, agenti di polizia, soldati e funzionari pubblici possono anche usare i mezzi pubblici gratuitamente. Il viaggio gratuito richiede un certificato del datore di lavoro che attesti che la persona sta svolgendo compiti relativi all’emergenza o alle conseguenze di una pandemia di coronavirus. 

I negozi – ad eccezione delle farmacie e dei distributori di benzina – possono rimanere aperti fino alle 19.00 e possono aprire al più presto alle 5.00. I fornitori di servizi e i servizi non menzionati nel regolamento (ad esempio, parrucchiere, massaggiatrice, personal trainer) possono operare normalmente secondo le regole del coprifuoco.

Tutti gli incontri sono vietatiI ristoranti non sono autorizzati a ricevere ospiti, possono solo rimanere lì per prendere cibo. L’hotel non può accettare turisti, ma  solo ospiti che arrivano per motivi di lavoro, economici o educativi. È vietato organizzare qualsiasi tipo di evento, inclusi eventi culturali. Le partite sportive  devono essere tenute a porte chiuseÈ vietato l’uso di strutture ricreative, comprese in particolare sale fitness, piscine coperte, musei, biblioteche, cinema e zoo, piste di pattinaggio.

I funerali  possono essere tenuti fino a 50 persone. Matrimoni possono essere tenuti senza un matrimonio, tuttavia, solo alcune persone possono partecipare all’evento.

Il parcheggio pubblico è gratuito. Il  parcheggio P + R commerciale disponibile, il garage, il parcheggio di superficie e il parcheggio recintato a pagamento non sono una superficie chiusa senza l’uso delle 19:00 alle 7:00 . Il gestore della struttura è obbligato a consentire il parcheggio gratuito durante questo fuso orario.

Le  forze dell’ordine stanno monitorando da vicino il rispetto delle regole, impongono una sanzione pecuniaria e chiudono i luoghi in cui non si aderisce alle norme. I soldati sostengono il lavoro della polizia in diverse città del paese e alleggeriscono il carico degli operatori sanitari in ospedale.

Al fine di frenare la diffusione della comunità, continueremo a  evitare luoghi dove ci sono molte persone all’interno, preferibilmente mantenere le distanze sociali, lavarci le mani spesso e accuratamente. Chiunque abbia ricevuto l’ordine di quarantena nazionale ufficiale per un soggiorno all’estero o per qualsiasi altro motivo deve attenersi rigorosamente. Chiunque abbia  sintomi non dovrebbe andare in comunità ma restare a casa e avvisare il proprio medico di famiglia per telefono.

Oltre a mantenere la protezione della salute, il governo sta lavorando su ulteriori  misure di protezione economica e familiare  .

Fonte: www.origo.hu | koronavirus.gov.hu

ARTICOLI RECENTI



Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/