Il mercato immobiliare in Ungheria in lenta ripresa. Si prevede un rialzo in autunno.

La fine dell’estate ha portato una minima ripresa del mercato immobiliare residenziale in Ungheria, secondo le stime di Duna House. Le 11.304 transazioni riportate dalla società di intermediazione immobiliare, anche se inferiori a quelle dell’agosto degli anni precedenti, mostrano un aumento rispetto al mese precedente (11.185).

Duna House si aspetta che l’autunno sarà attivo come la stagione primaverile. L’indice della domanda, attualmente a 79 punti, è inferiore all’anno scorso dopo la prima ondata del coronavirus, ma la tendenza al rialzo è ancora evidente in questo senso.

L’estate ha anche avuto il suo impatto sul mercato dei mutui residenziali con un leggero ritardo. Duna House Pénzügyek stima che 110 miliardi huf di prestiti ipotecari sono stati realizzati in Ungheria in agosto. Anche se questo importo non ha battuto alcun record, supera ancora di gran lunga la soglia dei 100 miliardi.

Grazie ai nuovi prodotti di prestito, più di 820 miliardi huf sono stati realizzati sul mercato nei primi otto mesi dell’anno, secondo i dati di gennaio-giugno della MNB e le stime di luglio-agosto di Duna House Pénzügyek. Tutte queste cifre mostrano un mercato del credito attivo, che può essere ulteriormente stimolato dall’aumento autunnale del fatturato, insieme alla forte domanda di sussidi per l’acquisto della casa.

Mentre la domanda a Pest e nell’agglomerato metropolitano era relativamente equilibrata in termini di prezzi delle case, Buda e la campagna hanno continuato a vedere un picco in agosto. In campagna, il 39% delle proprietà sono state vendute per meno di 250.000 HUF al metro quadro, mentre a Buda quasi la metà delle transazioni sono state per più di 900.000 HUF al metro quadro.

Gli esperti di Duna House si aspettano che i prezzi delle nuove costruzioni continuino a salire nel 2021, del 5-10% a seconda della posizione e del tipo di proprietà. In termini di dimensioni degli appartamenti, tuttavia, le proprietà di 40-60 mq sono state senza eccezione le più popolari – sia a Budapest che a livello nazionale.

Mentre a Budapest gli acquirenti cercavano soprattutto di investire in proprietà, nelle zone rurali la motivazione principale era quella di trasferirsi in un appartamento più grande. Sul lato della vendita, le vendite di proprietà ereditate rappresentano ancora una quota dominante del mercato.

In base alle statistiche di agosto, la proporzione di immobili venduti per questo motivo a Budapest e in campagna è stata più o meno la stessa, al 20-21%, in calo di 1 e 12 punti percentuali rispettivamente rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

La ragione del maggior declino è che la pandemia ha cambiato le abitudini di consumo e di alloggio, con persone che cercano l’aria aperta e un cambiamento di ambiente, e quindi iniziano a usare le proprietà rurali ereditate come seconde case. A Budapest, stanno cercando inquilini piuttosto che acquirenti.

fonte: profitline.hu

Contatta ITL Real Estate per i tuoi investimenti in Ungheria
Contatta ITL Real Estate per i tuoi investimenti in Ungheria> info@itlgroup.hu

ARTICOLI RECENTI

Gianluca Bruno