Trasporti verso/attraverso l’Ungheria

Riportiamo l’ultimo aggiornamento della Ambasciata d’Italia a Budapest in merito alle misure per gli autotrasportatori in transito in Ungheria.

A seguito del decreto del 26/3/2020 del Medico Capo ungherese, Dr. Cecilia Muller, pubblicato sul sito governativo dedicato alla crisi coronavirus, a questo link, SONO STATE SEMPLIFICATE LE MISURE APPLICATE AGLI AUTOTRASPORTATORI DI NAZIONALITÀ NON UNGHERESE CHE SI RECANO IN UNGHERIA PER CARICO/SCARICO.

Pertanto, riassumendo, QUALORA IL CAMIONISTA IN INGRESSO CON DESTINAZIONE UNGHERIA NON PRESENTI SINTOMI DI COVID-19 AL CONFINE:

  • È AMMESSO NEL PAESE;
  • NON VIENE PIÙ SOTTOPOSTO A QUARANTENA, che finora si è comunque potuta evitare con il rapido intervento del più vicino centro epidemiologico [che inviava un medico e faceva rapidamente analisi, ecc..]
  • deve però LASCIARE IL PAESE ENTRO 24 ORE DALLA PRIMA OPERAZIONE DI CARICO/SCARICO MERCI.
  • QUESTE 24 ORE NON SONO PROLUNGABILI neanche se il camion fa più di un carico/scarico in Ungheria.

 Il decreto in oggetto non specifica nuove misure per il transito, che pertanto è rimasto invariato rispetto alle disposizioni tuttora in vigore.

 Al confine le autorità ungheresi indicano al camionista il percorso obbligatorio da fare in Ungheria che l’interessato dovrà rispettare.

 Potrà fare soste solo nelle stazioni indicate dalle stesse autorità.

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/