Settimana negativa tra sedute altalenanti

La settimana inizia con una giornata di riposo per la Borsa di Budapest per la festività del Lunedì di Pentecoste.

Il martedì si parte con la pubblicazione dell’indicatore del Business Sentiment di maggio che sale a 2.9 e torna positivo dopo oltre un anno. Nel pomeriggio invece è stata comunicata la decisione della Banca Centrale di mantenere invariati il tasso di riferimento e il tasso di deposito settimanale anche se la MNB si è detta pronta a iniziare una politica di stretta monetaria per combattere il rischio di inflazione. In questa giornata ricca di dati il BUX chiude la seduta in negativo perdendo 1.4%.

Cambio di rotta nella giornata di mercoledì in cui l’indice chiude in rialzo del 1.34%. Tra i titoli maggiormente rappresentati spiccano OTP Bank e Gedeon Richter che salgono rispettivamente del 1.7% e del 1.6%.

Giovedì mattina è stato pubblicato il tasso di disoccupazione di aprile, leggermente in aumento rispetto al mese precedente, al 4.4%. Il BUX ha chiuso la seduta lasciando sul campo 1.24%. Tra i titoli che lo compongono la performance peggiore è quella della farmaceutica Richter che perde il 2.52%. Anche gli altri maggiori contributori chiudono in negativo con OTP Bank che scende del 1.36%, MOL dello 0.26% e Magyar Telecom dello 0.25%.

La settimana termina in una seduta positiva con il BUX che nella giornata di venerdì chiude le contrattazioni in rialzo dello 0.94%. OTP Bank finisce in rialzo del 1.10% e MOL guadagna 1.33% ed entrambi i titoli si confermano tra i principali contributori positivi dell’indice da inizio mese.

In questa settimana accorciata dalla festività di lunedì, il principale indice della Borsa di Budapest è sceso dello 0.35% senza però penalizzare eccessivamente la performance da inizio mese che, se confermata negli ultimi giorni di contrattazione la prossima settimana, potrebbe risultare nel maggiore rialzo mensile da inizio 2021.

ARTICOLI RECENTI

Federico Fanin

Federico Fanin, dopo aver completato gli studi in Economia e Finanza presso l'Università di Genova e diverse esperienze internazionali, arriva a Milano dove inizia il suo percorso professionale nel mondo dell'asset management. Attualmente lavora come portfolio manager con un focus particolare sui mercati azionari internazionali e sui mercati emergenti sia azionari che obbligazionari. Nel suo lavoro ha modo di seguire da vicino le dinamiche macroeconomiche e quelle dei mercati finanziari.