Settore turistico: calo del 59 per cento

Il numero di pernottamenti turistici è diminuito del 59% a settembre, un aumento di 15 volte rispetto al minimo di aprile.

A settembre 2020, a seguito dell’epidemia di coronavirus, i turisti internazionali hanno trascorso il 91% in meno di pernottamenti turistici in strutture ricettive commerciali (hotel, pensioni, campeggi, bungalow e ostelli) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, si legge nel report sulle Strutture ricettive commerciali il Centro Nazionale di Statistica Ungherese.

Gli ungheresi hanno trascorso il 16% in meno di notti. L’88% di tutte le notti turistiche sono state trascorse da ospiti ungheresi. I ricavi lordi totali delle vendite sono diminuiti del 65% a prezzi correnti negli esercizi ricettivi commerciali. Il numero di notti turistiche è stato 15 volte superiore al minimo di aprile.

A settembre 2020, a seguito dell'epidemia di coronavirus, i turisti internazionali hanno trascorso il 91% in meno di pernottamenti turistici in strutture ricettive commerciali (hotel, pensioni, campeggi, bungalow e ostelli) rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Periodo: Gennaio 20015 - Settembre 2020 FONTE: KSH
Periodo: Gennaio 20015 – Settembre 2020 FONTE: KSH

A settembre 2020, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente:

Anche a causa delle misure volte a rendere più difficile l’ingresso in Ungheria, il numero di arrivi stranieri e di pernottamenti turistici è diminuito rispettivamente del 94% e del 91%, con 35mila ospiti che hanno trascorso 130mila pernottamenti in strutture ricettive. Nonostante la maggior parte degli ospiti soggiornasse in hotel, il numero di notti trascorse lì è sceso a meno di un decimo. Il calo è stato superiore all’80% in bungalow, campeggi, pensioni e ostelli.

Budapest ha registrato la flessione maggiore, il 96%.

Pernottamenti turistici 2015-2020 in Ungheria. Budapest ha registrato la flessione maggiore a causa del covid19, del 96% confrontando settembre 2019 e settembre 2020.
Pernottamenti turistici 2015-2020 in Ungheria. Budapest ha registrato la flessione maggiore a causa del COVID19, del 96% confrontando settembre 2019 e settembre 2020. Fonte: KSH
  • 401 mila turisti nazionali  (diminuzione del 24%) hanno trascorso 931 mila pernottamenti turistici (diminuzione del 16%).

Delle cinque tipologie di alloggi commerciali, solo i campeggi hanno registrato più pernottamenti turistici rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, dove l’incremento è stato del 33%.

Sei notti su dieci sono state trascorse in hotel, dove il tasso di crescita è stato del 2,8%.

Il 21% in meno di pernottamenti è stato registrato nelle pensioni e il 18% in meno nei complessi di bungalow.

Sette notti su dieci sono state trascorse in hotel, dove il tasso di diminuzione è stato del 14%.

Il fatturato negli ostelli della comunità è stato poco più della metà del fatturato nel settembre dell’anno precedente. Il lago Balaton era la regione turistica più popolare.

ricavi totali lordi delle vendite sono diminuiti del 65% (a 19 miliardi di HUF) a prezzi correnti.

Con la Széchenyi Recreation Card, i titolari di carta hanno pagato il 23% in più presso le strutture ricettive commerciali, per un totale di 2,5 miliardi di HUF.

In September 2020:

  • 2.390 strutture ricettive commerciali, inclusi 803 hotel e 899 pensioni, sono state aperte per una parte o tutto il mese.

Nel periodo gennaio-settembre 2020, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente:

Il 52% in meno, per un totale di 12 milioni di pernottamenti turistici sono stati registrati negli esercizi ricettivi commerciali. Gli ospiti internazionali hanno trascorso il 72% e gli ospiti domesticiil 33% in meno di pernottamenti turistici (rispettivamente 3,5 milioni e 8,5 milioni) in strutture ricettive commerciali.

ricavi lordi totali delle vendite delle strutture ricettive commerciali sono diminuiti del 52% a prezzi correnti e sono ammontati a 202 miliardi di HUF.

ARTICOLI RECENTI

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/