Sovvenzione statale da 106 milioni di fiorini per Zwack Unicum

Zwack Unicum, la più grande azienda di alcolici ungherese, ha ricevuto ieri un certificato per l’assegnazione di un sussidio agli investimenti di 106 milioni di HUF da parte del Ministro degli Affari Esteri e del Commercio Péter Szijjártó, secondo l’agenzia di stampa statale MTI.

Il sussidio agli investimenti fa parte di un programma governativo che copre fino alla metà del costo degli investimenti che aumentano la competitività attuata per alleviare l’impatto economico della crisi del coronavirus.

Le altre aziende sovvenzionate

Martedì, riporta il sito del governo, sono state presentate altre tre società con i loro certificati di finanziamento al Ministero degli Affari Esteri e del Commercio.

sovvenzione l'azienda ungherese Hajdúhús Foto: Hajdúhús
sovvenzione l’azienda ungherese Hajdúhús Foto: Hajdúhús.
L’amministratore delegato di Hajdúhús 2000, István Papp ha dichiarato che la società, fondata 22 anni fa come azienda a conduzione familiare, si occupa della macellazione dei suini e della produzione di prodotti di qualità superiore.
Il nuovo progetto di investimento contribuirà a realizzare gli sviluppi tecnologici e un aumento dei mercati di esportazione dell’azienda, il cui obiettivo principale è quello di entrare con successo nel mercato cinese.

  • L’investimento di 574,54 milioni di fiorini (1,67 milioni di euro) di Hajdúhús 2000 sta ricevendo finanziamenti statali per 287,27 milioni di fiorini (834 migliaia di euro).
  • L’investimento di 563,82 milioni di fiorini (1,64 euro) realizzato da Semler. riceverà 282,40 milioni di fiorini (820 migliaia di euro) in finanziamenti di bilancio. Péter Hoppál (Fidesz), parlamentare, ha dichiarato in relazione a Semler Limited che il suo ultimo investimento consentirà alla società di trasferirsi in un nuovo capannone di proprietà di 7500 metri quadrati e di procurarsi nuove attrezzature.
  • Lo stato ungherese contribuirà con 106,04 milioni di fiorini (308 mila euro) all’investimento da 212,08 milioni di fiorini (616 mila euro) realizzato da Zwack Unicum.

Szijjártó ha dichiarato, in relazione alle tre società, che i progetti di investimento che stanno realizzando consentiranno loro di proteggere con successo un totale di 564 posti di lavoro.

Supportare Zwack Unicum per aumentare l’esportazione

Qui l’ultimo video pubblicato il 4 Giugno sul canale YouTube di Unicum

La sovvenzione coprirà la metà del costo di un investimento di 212 milioni di HUF che aumenterà la capacità dell’impianto di imbottigliamento di Zwack a Dunaharaszti (20 km a sud di Budapest) del 25%, ha affermato Szijjártó, dopo aver presentato il certificato al CEO di Zwack Frank Odzuck.

Szijjártó inoltre ha attirato l’attenzione sul fatto che il nuovo progetto di investimento di Zwack Unicum gli consentirà di aumentare la capacità del suo impianto di confezionamento a Dunaharaszti del 25 percento, il che a sua volta consentirà un aumento delle esportazioni dell’azienda.

Il CEO di Zwack Unicom, Frank Odzuck, ha dichiarato che i principali mercati di esportazione dell’azienda comprendono l’Italia, la Germania e i paesi vicini all’Ungheria. La società ha tre stabilimenti principali in Ungheria, con la produzione di Unicum a Budapest, la grappa ungherese di palinka a Kecskemét e un impianto di confezionamento a Dunaharaszti. Il nuovo progetto di investimento consentirà l’ampliamento dell’impianto di confezionamento dell’azienda e faciliterà la creazione di una seconda linea di produzione.

Riporta Anita Szepesi su Napi che Zwack Unicum ha conseguito un utile al netto delle imposte di 1,69 miliardi di HUF nell’anno finanziario 2019-2020, che è sí inferiore del 35,3 percento rispetto all’esercizio precedente, ma superiore di oltre il 20 percento rispetto al piano annuale – secondo il rapporto di gestione, che la società ha pubblicato sul sito web della Borsa di Budapest (BSE) mercoledì secondo MTI.

Fonte: kormany.hu | napi.hu | BBJ.HU |

Articoli recenti

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/