Speciale: la Legge sui Terreni Agricoli Ungheresi (1) condizioni di acquisto

4 Marzo 2014 – In Ungheria dal 1 maggio 2014 per acquistare

terreni agricoli occorrerà soddisfare determinati requisiti. Con la scadenza della moratoria europea (che negli ultimi dieci anni ha limitato l’acquisto dei terreni agricoli magiari ai cittadini ungheresi), diventa possibile anche per cittadini originari di altri paesi membri dell’UE acquistare terreni agricoli in questo Paese. Sono state introdotte, tuttavia, diverse condizioni che regolano tanto l’acquisto da parte dei cittadini locali, tanto quello da parte degli stranieri appartenenti all’Unione europea. E’ proprio questo l’oggetto di questo secondo articolo dello Speciale di Economia.hu sulla legge per i terreni agricoli, redatto con la consulenza di ITL Group e dello studio legale affiliato Lajos Law Firm.  

 

Dal 1 maggio 2014 i terreni agricoli con estensione superiore a 1 ettaro saranno acquistabili solo dagli agricoltori. L’acquisto non è consentito quindi da parte delle società, ma, come già dal 1993, solo alle persone fisiche. L’acquirente deve assumere determinati obblighi futuri, soprattutto nel caso in cui sia il diretto utilizzatore del terreno. L’azienda agricola potrà raggiungere un’espansione massima, comprensiva di proprietà e affitti, di 1200 ettari, superficie che invece è pari a 1800 ettari nel caso degli allevamenti. Dettagliate sono inoltre le disposizioni sui diritti di prelazione che vedremo nel prossimo articolo. L’approvazione dell’acquisto – ed è questo uno dei dettagli peculiari – è sottoposta alla valutazione del consiglio locale dei terreni e ne necessita la delibera, soggetta alla valutazione di una serie di requisiti dettagliati nella legge.

I terreni, pertanto, possono essere acquistati liberamente fino a un ettaro da cittadini ungheresi e cittadini comunitari (dello Spazio Economico Europeo), mentre per le estensioni superiori a un ettaro occorre dimostrare di essere agricoltori di professione (sono contemplate alcuni eccezioni ad esempio la Chiesa, per il Fondo Nazionale dei Terreni Agricoli, i Comuni, etc.). 

Contestualmente è stata introdotta la definizione di “agricoltore”, su cui vale la pena di soffermarsi: 

a) deve essere una persona fisica

b) avente età maggiore ai 16 anni, 

c) nazionalità ungherese o comunitaria

d) con qualifiche agricole o forestali (o che svolge da almeno 3 anni l’attività agricola in Ungheria in nome proprio, o  socio almeno al 25% di una società agricola registrata in Ungheria in cui svolge l’attività agricola come servizio complementare del socio).

Per acquisire il diritto di proprietà, l’acquirente deve impegnarsi a usare il terreno personalmente o tramite un parente o una società agricola dallo stesso detenuta nella percentuale minima del 25%. Qualora il terreno acquistato sia usato da una persona terza, l’acquirente deve assumere l’obbligo di non prorogare il rapporto d’uso esistente e, dopo la sua scadenza, coltivarlo in nome proprio.

L’agricoltore che inizia la sua attività come “neofita”, oltre agli obblighi sopra descritti, deve assumere l’obbligo di:

– portare la sua residenza nel luogo dove si trova il terreno acquistato;

– costituire la sede operativa aziendale in quel luogo entro 1 anno dall’acquisto;

–  svolgere la sua attività in loco.

Il principiante è definito dalla legge come:

a) la persona ungherese o cittadino dell’Unione che vive in Ungheria e 

b) non ha proprietà di terreni né in Ungheria, né nell’Unione Europea

c) ha più di 16 anni

d) possiede un titolo di studi in materie agricole o forestali prescritto dalla legge ed inoltre

e) è registrato come agricoltore principiante dall’autorità agricola. 

 

L’organo amministrativo agricolo deve approvare tutti i contratti d’acquisto dei terreni agricoli: le sue decisioni non sono appellabili e sono subito esecutive; se ritenuto opportuno, comunque,

può essere comunque intentata una causa amministrativa in Tribunale.

 

Questi gli argomenti della serie di articoli di approfondimento della legge sui terreni agricoli ungheresi:

 

1 – condizioni di acquisto

2 – diritti di prelazione sull’acquisto

3 – condizioni di affitto

4 – diritti di prelazione sull’affitto

 

5 – la definizione di “agricoltore”

6 – cosa sono gli “organi amministrativi agricoli”

7 – gli obblighi dell’acquirente successivi all’acquisto

8 – il limite massimo dell’estensione del terreno

9-  conclusioni: chi può acquistare terreni superiori ad un ettaro?

 

 

Vi invitiamo ad una lettura attenta dei testi e a prendere contatto con l’avvocato Levente Lajos per ulteriori informazioni e per valutare il caso singolo: l.lajos@llf.hu

Articolo a cura di Claudia Leporatti 

 

(Foto Credit: MTI/Bugány János)

 

Redazione Economia.hu 

 

 

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/