Ultim’ora: i 3 punti del governo ungherese

Il governo ungherese ha appena diramato ai media una nota informativa in 3 punti. Il primo riguarda gli “attacchi di Bruxelles all’Ungheria in materia di immigrazione”. Non è un mistero che la comunicazione del governo ungherese tende a mettere sempre in primo piano l’immigrazione, anche di fronte a fatti locali e urgenti.

“Vogliono imporci le quote obbligatorie ed eleminare la chiusura del confine ungherese”. “L’Ungheria – si legge nella nota – è pronta ai dibattiti, ma non cederemo di un palmo per quanto riguarda l’immigrazione”. Il secondo punto è quello della “modifica alla legge ungherese sull’istruzione superiore”. La fase legislativa è stata conclusa “e stiamo ora entrando in quella diplomatica”. Il comunicato non lascia dubbi: “non c’è motivo di suspendere leggi in Ungheria. Siamo pronti a parlare. La soluzione si trova nel dialogo.” Ieri Orbán ha nominato un Commissario per i negoziati. “Apriremo il dialogo con chiunque; se l’università di Soros è guidata da buone intenzioni sarà in grado di risolvere il problema”. Per concludere, la legge sulle ONG.”Il governo supporta la legge perché le organizzazioni che attivamente supportano l’immigrazione sono fondate dall’estero e anche gli ungheresi devono esserne consapevoli.” La legge proposta è meno rigida, si spiega nella nota, di quella in vigore negli USA. Di nuovo si menziona Soros. “Se George Soros fosse stato straniero le sue fondazioni non avrebbero potuto operare in questa forma negli Stati Uniti”, conclude la nota. 

Tra pochi minuti inizierà la nuova manifestazione contro la “CEU Lex”. Al Piazzale degli Eroi è attesa una folla ancora maggiore di quella di domenica scorsa sotto al castello, mentre anche nelle altre città ungheresi tira aria di protesta.

Claudia Leporatti

Redazione Economia.hu

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/