Ungheria, esplode il caso Buda-Cash

E’ il caso della settimana: la licenza revocata alla società di brokeraggio ungherese Buda-Cash da parte della Banca Centrale Ungherese (MNB).L’azienda si rifiuta di commentare, il motivo dichiarato dalla MNB è “sospetto di manipolazione” dei conti. Ne parliamo nell’articolo di Federico Fanin.

Dopo la sospensione ad effetto immediato della licenza di Buda-Cash Brokerhaz Zrt., martedì la Banca Centrale Ungherese ha messo sotto controllo l’agenzia di intermediazione. Buda-Cash, fondata nel 1995, serve una clientela formata da oltre 15.000 investitori ed è la settima agenzia di intermediazione in base ai volumi negoziati nel 2014. La MNB ha assunto temporaneamente il controllo degli asset finanziari degli investitori e ha designato un commissario per portare avanti e controllare le operazioni di mercato della società.

Il sospetto è che Buda-Cash abbia manipolato i conti riguardanti le somme di denaro ricevute dai propri clienti.

Il vice presidente della MNB, Laszlo Windisch, ha precisato che non è ancora stata fatta chiarezza su quanto accaduto ma, per ora, si tratta di un sospetto molto forte ed ha aggiunto che le azioni messe in pratica  sono fondamentali per far luce su questa situazione ed evitare ulteriori danni.

Per ora il servizio clienti e gli ordini di transazioni sono stati sospesi. I clienti, che si sono visti congelare i propri fondi dal l’autorità di vigilanza, sono protetti da un fondo statale di assicurazione fino a 20.000€,  circa 6.090.000 fiorini.

di Federico Fanin per Economia.hu

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/